giovedì 20 giugno 2019
ANDREA COSTANZO MARTINI – LA CAMERA DU ROI
INTEATROFestival 2019
  • Polverigi Teatro della Luna
    Mappa
  • 21:00
  • Biglietteria Teatro delle Muse 071.52525 - Biglietteria Villa Nappi 071.9090007
  • Danza
  • Un re, una telecamera, uno schermo gigante. Un mondo distopico in cui un personaggio inverosimile, un ipotetico Re francese alla prime armi con il balletto, viene accompagnato nel suo megalomane desiderio di performance da una telecamera con una volontà propria, e da uno schermo gigante degno di una popstar. Un re, vestito solamente della propria immagine e del proprio ruolo. Un uomo solo, ossessionato dalla necessità di essere ammirato, amato, osservato e allo stesso tempo imprigionato da uno sguardo che non si spegne mai. Proprio l’esplorazione dello sguardo è uno dei temi principali di questo lavoro. Lo schermo diventa un’arma a doppio taglio. Se da un lato offre al performer un duplicato di sé permettendogli di occupare ancora più spazio nella cornice del palcoscenico, dall’altra grazie alla sua dimensione, brillantezza, velocità e punto di vista privilegiato, gli ruba la scena, costringendolo a un’impossibile lotta contro se stesso. Cindy si cimenta in un’impresa al limite del possibile: creare un film in diretta con l’illusione di un montaggio. Con le mani davanti all’obbiettivo taglia le immagini, le sfoca in una sorta di filtro “instagram” fatto in casa, accelera o rallenta e diventa a sua volta un oggetto coreografico. Si viene dunque a creare uno spazio nel quale al pubblico si propone una scelta: lasciarsi andare all’illusione guardando lo schermo oppure seguire l’azione dal vivo, godendosi quindi lo spettacolo senza filtri. C’è una terza scelta, ovvero tentare di assorbire tutto, inclusa la relazione di potere che si instaura tra i vari elementi scenografici. Chi è a controllare lo show? È il danzatore coreografo? È la camerawoman? È il re sullo schermo? È la telecamera stessa? Per quanto riccamente vestito, il re è sempre nudo allo sguardo dell’innocente.

    coreografia Andrea Costanzo Martini direzione artistica Andrea Costanzo Martini – Cindy Séchet luci Yoav Barel drammaturgia Yael Biegon – Citron costumi Idan Lederman performer Andrea C. Martini / Cindy Sechet video Cindy Sechet musiche Binya Reches, J.S. Bach, Aphex Twins, Andrea Costanzo Martini, Britney Spears, Laura Pausini ripetitore Melanie Barson

    produttore Hila Gamily e coproduttori MARCHE TEATRO, Charleroi Danse, Associazione Cult. Van, Balletto Teatro di Torino/ Motori di Ricerca, Choreographisces Zentrum Heidelberg con il supporto di Piemonte dal Vivo, Avshalom Pollack Dance Theater

    ringraziamento speciali a Chiara Castellazzi promotrice del progetto Motori di Ricerca dal quale il lavoro ha preso inizio, Enzo Pezzella e Enrico Pitozzi

    nell’ambito del Progetto CROSSING THE SEA / Programma Boarding Pass Plus del MIBAC

    Andrea Costanzo Martini danzatore e coreografo italiano con base a Tel Aviv. Nel 2006 è entrato a far parte della Compagnia di danza Batsheva e in seguito, tra il 2010 e il 2014, ha danzato con il Cullberg Ballet e l’Inbal Pinto e A. Pollack Dance Company. Nel 2013 inizia la sua attività come coreografo danz’autore. Ha ricevuto il primo premio per performance e coreografia all’International Tanz Solo Competition di Stoccarda nel 2013 e ha ottenuto diversi riconoscimenti per What Happened in Torino e Occhio di Bue. Dal 2013 l’artista si è concentrato su creazioni in scala ridotta (soli e duetti) come Trop, VoglioVoglia, Scarabeo (selezionato da Aerowaves Festival 2018). Più recentemente ha iniziato a collaborare con compagnie come Balletto di Roma e Balletto Teatro di Torino creando i pezzi Intro e Balera. La ricerca di Andrea nella danza si concentra sia sulla fisicità estrema che sulla teatralità dell’atto performativo ed esplora l’equilibrio di potere che si crea durante uno spettacolo tra i ballerini e gli spettatori. Leggero ma pertinente, il lavoro di Martini mette in discussione e gioca con le aspettative del pubblico in relazione alla danza contemporanea. Dal 2007 Andrea è anche un istruttore Gaga e conduce workshop di danza in tutto il mondo.