mercoledì 11 settembre 2019
MAL DI TERRA
Residenza Artistica Regione Marche
  • Macerata Teatro Lauro Rossi
    Mappa
  • 21:00
  • Biglietto unico 5 euro presso Biglietteria dei Teatri, piazza Mazzini a Macerata (T 0733-230735)
  • Musica
  • "Mal di terra" è un'opera da camera che tesse insieme lirica, teatro, installazione e performance su progetto di Silvio Bartoli, Sofia Borroni, Matilde Cragnolini, Biagio Micciulla, Giulia Olivieri.

    Attori, cantanti e musicisti vivono sia il palco sia la platea, coinvolgendo il pubblico in una pièce di teatro attivo. Dalla musica popolare siciliana alla musica elettronica passando per una installazione di sound design le note accompagnano e direzionano "Mal di terra".

    Per parlarci di "Mal di Terra", la nuova residenza firmata Marche Concerti, abbiamo chiesto a Silvio Bartoli, che è compositore delle musiche:
    “L'opera tratta un tema molto attuale e soprattutto sulla bocca di tutti, ed indipendentemente dal pensiero politico, è un tema che ci ha anche colpito anche personalmente: l'emigrazione. Abbiamo voluto raccontare la traversata di un gruppo di italiani (siciliani appunto) da Napoli verso New York, durante gli anni Venti del secolo scorso, affrontando inoltre diversi aspetti del carattere umano (passione, amore, violenza).
    Nello scrivere la musica ho focalizzato la mia attenzione sull’entrare nel vasto e complesso mondo della cultura siciliana; complessità che si ritrova soprattutto nella musica popolare, cercando di mescolarla con il mio modo di scrivere. Tale cultura, musica compresa, è impregnata di influenze greche ed arabe sia nella struttura che nell'orchestrazione; ho voluto quindi utilizzare strumenti etnici come per esempio lo scacciapensieri (marranzano) o il putipù”
    .

    Prima del debutto di mercoledì 11 settembre al Teatro Lauro Rossi - Macerata, "Mal di terra" vi aspetta con una prova aperta al Politeama Tolentino lunedì 9 settembre.

    Residenza Artistica Regione Marche - Settore Musica
    Con il sostegno dell'Istituto Confucio - Università di Macerata e la collaborazione di Politeama Tolentino e AMAT