venerdì 12 gennaio 2018
MUSICA E MAGIA
CONCERTO PER LE SCUOLE
  • Camerino Auditorium Scuola "Salvo D'Acquisto"
    Mappa
  • 10:00
  • Tel. 071 206168 - Mail: info@filarmonicamarchigiana.com
  • Musica
  • CONCERTO PER LE SCUOLE - nell'ambito del progetto "Marche inVita", lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma.

    In collaborazione con ATGTP (Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata)

    voce recitante

    LORENZO BASTIANELLI

    direttore

    DANIELE ROSSI

    FORM-ORCHESTRA FILARMONICA MARCHIGIANA

    programma

    C. Debussy - La boïte à joujoux (La scatola dei giocattoli), per voce recitante e piccola orchestra

    P. Dukas - L’apprenti sorcier (L’apprendista stregone) – trascrizione per orchestra da camera di Iain Farrington

    Le origini della musica sono legate al mondo della magia, del soprannaturale, della realtà invisibile. Sin dagli albori della storia, l’uomo si è servito di essa per entrare in contatto con gli dei e con la sfera dell’immaginario, perché i suoni non si vedono: si sentono; e hanno il potere di “far sentire” cose che prendono forma solo nel pensiero e nella fantasia.

    E allora, «Immaginatevi una vecchia bottega di giocattoli... È notte fonda e solo un debole raggio di luna penetra dalla vetrata dentro la grande stanza... Tutti dormono... Dorme la bambola ballerina... dorme il soldatino di legno dentro una grande scatola bianca al centro della stanza... e dormono anche Pierrot, Arlecchino, Pulcinella e tutti gli altri giocattoli...».

    Con queste parole ha inizio La boïte à joujoux (La scatola dei giocattoli) di Claude Debussy con cui si apre il concerto della FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana “MUSICA E MAGIA”, dedicato al pubblico scolastico. Si tratta di un’avventurosa, dolcissima storia d’amore e d’amicizia fra una bambola ballerina e un soldatino di legno rappresentata con straordinaria sensibilità, semplicità ed immediatezza comunicativa dall’arte musicale di uno dei più grandi compositori dell’Occidente, abilissimo nel tratteggiare con evidenza “impressionistica”, in linea con la tradizione musicale francese, i personaggi-giocattolo della vicenda attraverso il timbro e il carattere degli strumenti dell’orchestra.

    Nata originariamente nel 1913 come balletto per bambini, l’opera viene qui proposta dalla FORM in una speciale versione narrativa per voce recitante e orchestra che, grazie anche alla versatilità dell’attore Lorenzo Bastianelli, trasforma l’azione coreutica in un’accattivante fiaba musicale di sicura presa sui giovanissimi.

    Conclude il concerto uno dei più celebri brani musicali legati al mondo della magia: L’apprenti sorcier (L’apprendista stregone), scherzo sinfonico scritto da Paul Dukas nel 1897 sull’ omonima ballata di Goethe (qui offerto nella trascrizione per orchestra da camera di Iain Farrington) noto ai più piccoli per essere stato rappresentato da Walt Disney in uno degli episodi del film di animazione del 1940 Fantasia, dove a vestire i panni del maldestro apprendista cui sfugge il controllo della bacchetta magica sottratta all’ignaro stregone era il grande, simpaticissimo Topolino.