mercoledì 25 novembre 2020
*SOSPESO* D. La principessa Diana e la palpebra di Dio
Nell'ambito del progetto "Marche InVita"
  • Ascoli Piceno Auditorium Silvano Montevecchi
    Mappa
  • 18:00
  • Ingresso gratuito
  • Teatro
  • A seguito del nuovo DPCM, sono sospesi gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto fino al 3 dicembre 2020.

    Paola Giorgi in D. La principessa Diana e la palpebra di Dio di Cesare Catà con Maria Chiara Orlando e la partecipazione di Sonia Barbadoro e Giovanni Moschella.
    Scena e costumi Stefania Cempini
    Regia Luigi Moretti
    Produzione Bottega Teatro Marche


    D. La principessa Diana e la palpebra di Dio è uno spettacolo di prosa che racconta l’icona Diana Spencer nelle sue vicende umani e sociali, dando voce alla sua figura in una sorta di memoriale post mortem in cui la Principessa, da un immaginario al di là, creato dalla felice penna di Cesare Catà, narra di sé, dei suoi amori e dei suoi dolori, dei suoi affetti più cari e perduti.

    Nel monologo Diana, alla ricerca di un contatto con gli amati figli William e Henry, dialoga con le voci del suo ex consorte, il principe Carlo, e la regina Elisabetta II. Mentre racconta di sé, l’immagine di Lady D, i suoi pensieri, il suo vissuto, si sovrappongono a quello delle eroine della mitologia classica quali Medea, Antigone, Arianna, Artemide e il testo del monologo si interseca con le parole di Euripide, Sofocle, Ovidio e Seneca.

    In scena con Paola Giorgi, nei panni della Principessa Diana, c’è Maria Chiara Orlando che con la sua tromba jazz esegue dal vivo le musiche di scena. Sonia Barbadoro e Giovanni Moschella danno voce alla Regina Elisabetta II e al Principe del Galles Carlo.
    Lo spettacolo, diretto da Luigi Moretti, restituisce un ritratto forte e sofferto, mai banale, di una delle donne più amate, controverse e celebri del 900.

    Un ritratto dal sapore “neo shakespeariano” che getta una luce originale e commossa su uno spaccato della recente storia inglese ed europea.


    Seguirà alle 19,15 "Arianna, Antigone, Medea e le altre" con Cesare Catà (autore del testo)