sabato 13 luglio 2019
VOYAGER
nell'ambito di Civitanova Danza 2019
  • civitanova marche Teatro Rossini Civitanova
    Mappa
  • 21:30
  • 071-2072439
  • Danza
  • coreografia Paolo Mangiola
    in collaborazione con i danzatori:
    Tara Dalli, Mathilde Lin, Keith Micallef, Nicola Micallef, Stefaan Morrow, Abel Hernández González, Thibault Rousselet, Simon Van Heddegem, Emma Walker
    artista visivo Austin Camilleri
    partitura originale Veronique Vella
    musiche dal Voyager Golden Record:
    I suoni della Terra in 55 lingue diverse
    Thakrulo, Gerogian Soll
    Man’s house song Papua New Guinea
    String Quartet No 13 in B Flat Major
    Ludwig van Beethoven
    disegno luci Ismael Portelli
    costumi Luke Azzopardi
    drammaturgia Sergiu Matis
    produzione ŻfinMalta National Dance Company
    direttore artistico Paolo Mangiola
    produttore Rowena Cilia coordinatore artistico Kostas Papamatthaiakis
    education artist Martina Zammit comunicazione Luke Cassar
    grafico Annabel Zammit contenuto editoriale Media Insiders

    [prima italiana]

    Quarantuno anni fa, l'astronomo e astrofisico americano Carl Sagan ha avuto l'idea di inviare una capsula del tempo, lo spazio esterno che darebbe alla vita intelligente un'istantanea della diversità, dei suoni, dei sentimenti e dei pensieri della Terra attraverso 116 immagini codificate in forma analogica. Lanciato sulla navicella spaziale Voyager nel 1977, il Golden Record, placcato in oro e con custodia in alluminio avrebbe dovuto rimanere intellegibile per oltre un miliardo di anni, rendendolo l’oggetto mai creato dalle mani dell'uomo. Durante il lancio, il segretario generale dell’Onu Kurt Waldheim ha inviato i saluti a nome del popolo di questo pianeta, dicendo: "usciremo dal nostro sistema solare nell'universo alla ricerca solo della pace e dell'amicizia, per insegnare come siamo chiamati, per essere istruiti se siamo fortunati. Sappiamo perfettamente che il nostro pianeta e tutto il resto dei suoi abitanti non sono che una piccola parte dell'universo immenso che ci circonda ed è con umiltà e speranza che facciamo questo passo ".
    Affascinato dal lavoro di Sagan, il direttore artistico della MfinMalta National Dance Company, Paolo Mangiola, si è domandato che cosa la NASA avrebbe inviato nello spazio se avesse ripetuto lo stesso esercizio oggi. Come rappresenteremmo il nostro passato, il nostro presente e le nostre speranze per il futuro? Come sarebbero gli elementi archiviati in esso? Come li selezioneremmo? In breve, cosa un disco d'oro produrrebbe se fosse proiettato su un altro pianeta nel 2018?

    Da ragazzo, Mangiola è sempre stato affascinato dalle scoperte del nostro sistema solare sul Golden Record e Voyager, le sonde spaziali effettuate e i dati raccolti. Il suo interesse fu ulteriormente attirato quando, il 14 febbraio 1990, la Voyager 1 catturò il ritratto senza tempo della Terra come un piccolo palcoscenico in una vasta arena cosmica; un punto blu pallido in un'oscurità avvolgente. Nel suo libro del 1994 The Pale Blue Dot, Sagan ci ha eloquentemente invitato a guardare quella fotografia e ad immergerci davvero in esso: "questo è qui. Questa è casa. Siamo noi. Su di esso tutti quelli che ami, tutti quelli che conosci, tutti quelli di cui hai mai sentito parlare, ogni essere umano che sia mai esistito, hanno vissuto le loro vite... Non c'è forse una migliore dimostrazione della follia delle convinzioni umane di questa immagine lontana del nostro piccolo mondo”.

    Questo pallido punto blu è ciò che ha ispirato Voyager una collaborazione congiunta tra l'artista visuale di origini maltesi Austin Camilleri, accompagnato dal lavoro del compositore Veronique Vell. Voyager è il culmine di un anno di ricerche e interviste che ha l’intento di spingere il pubblico in un mondo di introspezione, scoperta di sé e riflessione sul modo in cui gli esseri umani trattano questo fragile punto blu pallido.

    PAOLO MANGIOLA

    Cosa ha inspirato Voyager?
    Sono cresciuto negli anni '80, in un momento in cui l'esplorazione dello spazio era nella mente di tutti e il termine “fantascienza”, già utilizzato allora da molti ha fornito a noi bambini dell’epoca l’ispirazione e un futuro misterioso in cui perderci. Ero e sono ancora affascinato dall'universo e l'idea di creare un lavoro basato sulla sonda spaziale della NASA Voyager, sui suoi risultati e l'ambizioso Golden Record (Disco d'oro) - una sorta di capsula temporale inserita a bordo di Voyager con l’intento di comunicare la storia del nostro mondo ad eventuali forme di vita extraterrestri - divenne una questione di urgenza.
    Movimento e danza possono comunicare in un modo che va oltre la compressione lineare e le parole, e ho sentito che questo argomento complesso meritava di essere esplorato attraverso la coreografia.
    Il movimento è antico; ci collega su un livello principale. Dalla caccia, al ballare attorno al fuoco, camminare e arrampicarsi, queste sono tutte azioni che ci definiscono come abitanti di questo pianeta e ci connettono con il resto delle creature che vivono in esso. Così mi sono detto: perché non usare il movimento per presentare tale argomento bello e misterioso?

    Quali sfide ha dovuto affrontare nella coreografia per interpretare questo concetto?
    Tutto può essere ballato e coreografato. Non si tratta di tradurre o interpretare un concetto ma piuttosto, usando l'idea come fertile terreno per la ricerca che attinge a qualcosa di più profondo, scoprirne la novità che ‘muove’ il pubblico. La sfida offre un lavoro a più strati; un paesaggio di possibilità su cui tutti possiamo riflettere. Mi piace pensare che la danza può portarci a un diverso livello di comprensione.
    In Voyager volevo presentare non solo le scoperte scientifiche che queste due sonde spaziali hanno raggiunto, ma anche il Golden Record inviato come un regalo dal pianeta Terra. Questa capsula del tempo, un tema stimolante su cui immergersi, era destinato a comunicare la complessità della vita sul nostro pianeta e possibili forme di vita intelligenti.

    Com’è stato sviluppato il lavoro?
    Il pezzo segue un chiaro viaggio, che è 'leggibile' da due distinte e diverse prospettive, interdipendenti le une dalle altre. Una è il viaggio dei due Viaggiatori, dalla costruzione, alla raccolta di dati da diversi pianeti, il momento in cui le sonde se ne vanno nel sistema solare ed entrano nello spazio interstellare.
    L'altro viaggio segue una selezione cronologica di immagini, suoni e oggetti inviata attraverso il Golden Record. Questi due viaggi hanno creato l'intera struttura di Voyager e i ballerini navigano attraverso questi movimenti con lo scopo di comunicare, pensare, trasmettere, curare ed esplorare. Sul palco i loro corpi hanno più funzioni che operano attraverso un sistema interdipendente, diventando i vari paesaggi che esplorano.

    Cosa di questo lavoro è pertinente alla vita reale? Questo è un pezzo sullo sforzo umano e l'urgenza di conoscerci di più. È sul nostro pianeta e sul modo in cui lo trattiamo. Si tratta di curare il meglio di noi stessi lasciando dietro ciò che è dannoso per la vita. È un lavoro su di noi nel nostro tempo; non noi come una specie, ma noi come creature viventi tra tutte le forme di vita sul pianeta terra. In un momento in cui stiamo diventando sempre più consapevoli del nostro ruolo di abitanti di questo pianeta - il piccolo punto blu pallido, come l'astronomo Carl Sagan lo ha chiamato - Voyager mira a portarci in uno spazio in cui possiamo riflettere sulle nostre scelte e azioni. Credo che tutto ciò sia rilevante, in definitiva il pezzo aspira a offrire una piattaforma per contemplare la preziosità della vita e quanto questa sia complessa e unica.

    ABBONAMENTI
    #CARNET5
    Ball, Voyager, Suite Escape, Io Don Chisciotte, Metamorphosis + diritto di prelazione sugli spettacoli fuori abbonamento [al costo ridotto di settore] da esprimere contestualmente all’acquisto del carnet
    I settore Teatro Rossini + posto unico numerato Teatro Annibal Caro e Teatro Cecchetti 45 euro
    II settore Teatro Rossini + posto unico numerato Teatro Annibal Caro e Teatro Cecchetti 35 euro
    III settore Teatro Rossini + posto unico numerato Teatro Annibal Caro e Teatro Cecchetti 30 euro

    #FESTIVALNELFESTIVAL
    3 spettacoli, intera giornata del 13/07 25 euro | ridotto* 18 euro

    VENDITA ABBONAMENTI dal 12 giugno
    Teatro Rossini 0733 812936 | tutti i giorni [domenica e festivi esclusi, tranne se giorno di spettacolo] dalle ore 18.30 alle ore 20.30;
    AMAT e biglietterie del circuito 071 2072439 lun – ven 10 -16

    BIGLIETTI
    I settore 15 euro | ridotto* 12 euro - II settore 12 euro | ridotto* 10 euro - III settore 10 euro | ridotto* 8 euro

    *giovani fino a 24 anni, iscritti scuole di danza, possessori di #CARNET5 per gli spettacoli non inclusi in abbonamento e convenzionati vari

    VENDITA BIGLIETTI dal 22 giugno
    Teatro Rossini 0733812936 tutti i giorni [dom esclusa, tranne se giorno di spettacolo] 18.30 - 20.30; nei giorni di spettacolo presso i teatri di riferimento da un’ora prima dell’inizio;
    on line su www.vivaticket.it

    BIGLIETTERIE & INFORMAZIONI
    T Rossini 0733 812936 | T Annibal Caro 0733 892101 | T Cecchetti 0733 817550 | AMAT 071 2072439 www.amatmarche.net | www.teatridicivitanova.com | www.civitanovadanza.com

    PREVENDITE BIGLIETTI
    Ancona Casa Musicale 071 202588
    Ascoli Piceno Teatro Ventidio Basso 0736 298770
    Call Center 071 2133600
    Fano Teatro delle Fortuna 0722 800750
    Fermo Teatro dell’Aquila 0734 284295
    Loreto Pro Loco 071 977745
    Macerata Biglietteria dei Teatri 0733 230735
    Pergola Museo Bronzi 0721 734090

    Hai 18 anni e hai aderito al bonus cultura? Sei in possesso della carta del docente?
    NON PERDERE L’OCCASIONE DI UTILIZZARE IL BUONO PER VEDERE TUTTA LA DANZA DI CIVITANOVA!