ASSEGNATI I LEONI PER IL TEATRO 2018

Brno

La Biennale di Venezia ha attribuito i Leoni per il Teatro 2018.

Il Leone d’Oro alla carriera per il Teatro 2018 è stato assegnato a RezzaMastrella, ovvero Antonio Rezza e Flavia Mastrella, duo artistico d’eccellenza nel panorama teatrale contemporaneo, mentre il Leone d’Argento per il Teatro 2018 è andato alla compagnia Anagoor, che in pochi anni ha attirato su di sé l’attenzione del teatro italiano ed europeo.

Entrambi i premi sono stati proposti dal Direttore del Settore Teatro della Biennale di Venezia Antonio Latella. La cerimonia avrà luogo il 20 luglio 2018 in occasione dell’apertura del 46° Festival Internazionale del Teatro. In questa stessa giornata la compagnia Anagoor presenterà in prima assoluta lo spettacolo ORESTEA – Agamennone, Schiavi, Conversio. Alla coppia Rezza-Mastrella sarà invece dedicato un ritratto attraverso alcuni recenti spettacoli: 7 14 21 28, Fratto X, Anelante.


Flavia Mastrella e Antonio Rezza, ‘comunicatori involontari’, hanno realizzato tredici opere teatrali (tra cui Pitecus, Io, Fotofinish, Bahamuth, 7-14-21-28, Doppia Identità, Fratto_X e Anelante) cinque film lungometraggi e un vasto numero di corto e medio metraggi. Flavia Mastrella si occupa inoltre di scultura, fotografia, video-scultura e Antonio Rezza di letteratura pubblicando i suoi romanzi con Bompiani.

Nel 2012 è uscito il libro La noia incarnita, il teatro involontario di Flavia Mastrella e Antonio Rezza. Nel 2013 gli sono stati conferiti il Premio Hystrio e il Premio Ubu. Nel 2016 si sono aggiudicati il Premio Napoli, e nel 2017 l’attestato di Unicità nella Cultura e il Premio Ermete Novelli.


La compagnia Anagoor, fondata da simone Derai e Paola Dallan nel 2000, subito si configura come esperimento di collettività, tratto che ancora oggi la contraddistingue contando numerosi artisti e professionisti al suo seguito. La natura di collettivo si sottolinea ancor più con i laboratori e ricerche continue, che attraversano generazioni e città. Una natura teatrale unica, che riesce a fondere performig art, filosofia, letteraura e media.

Citando alcuni tra i vari spettacoli: Tempesta (2009), segnalazione speciale al Premio Scenario; L.I. Lingua Imperii (2012), tra gli spettacoli vincitori del Music Theatre NOW 2015; Virgilio Brucia (2014); Socrate il sopravvissuto / come le foglie (2016) candidato ai Premi Ubu come spettacolo dell'anno. Fra i premi ricevuti: il premio “Jurislav Korenić” a Simone Derai come miglior giovane regista al 53mo Festival MESS (2012), il Premio Hystrio – Castel dei Mondi (2013), il Premio ANCT per l'innovativa ricerca teatrale, il premio HYSTRIO alla regia (2016) e il Premio ReteCritica.

Fonte: www.labiennale.org/it

comments powered by Disqus