PRESENTATO A MILANO IL RAPPORTO ANNUALE FEDERCULTURE 2018 "IMPRESA CULTURA"

Timthumb

Lunedì 22 ottobre è stato presentato alla Camera di Commercio di Milano il quattordicesimo Rapporto Federculture 2018 “IMPRESA CULTURA”. Il Rapporto si concentra sulle le imprese culturali, ovvero i soggetti che gestiscono musei, beni e attività culturali con l’obiettivo di efficienza, efficacia e il fine ultimo di favorire la pubblica fruizione della cultura.

Il Rapporto, inoltre, indaga le criticità e le debolezze del sistema dell’offerta e della produzione culturale in Italia, e individua gli obiettivi per il prossimo futuro delle imprese culturali e di tutti i soggetti pubblici e privati che operano nel settore.

"I dati raccolti nel Rapporto – si legge nel comunicato di Federculture – da un lato indicano, per il quarto anno consecutivo dopo il crollo del 2012-2013, una crescita dei consumi culturali, con la spesa delle famiglie italiane per i servizi culturali e ricreativi – che comprende tra l’altro teatro, cinema, musei, concerti – che vale 31 miliardi di euro e aumenta del 3,1%; ma nello stesso tempo segnalano anche forti disparità nelle aree geografiche e nei contesti territoriali. La stessa spesa culturale delle famiglie che nelle regioni del Nord Italia è mediamente superiore ai 150 euro al mese, nel Sud scende intorno ai 90 euro, con gli estremi opposti del Trentino Alto Adige dove si spendono 191 euro al mese e della Sicilia dove se ne spendono 66."

Un altro dato fortemente problematico riguarda la percentuale di italiani adulti culturalmente inattivi, che arriva al 38,8%, con picchi dell’80% nel caso del teatro e del 90% per i concerti classici. Anche in questo caso, i dati più allarmanti si registrano nel Mezzogiorno, dove l’inattività culturale riguarda 8-9 cittadini su 10.

Per conoscere tutti i dati e scaricare i documenti della presentazione è possibile visitare il sito di Federculture.

Fonte: www.federculture.it

comments powered by Disqus