CIVITANOVA DANZA TUTTO L’ANNO, VENERDÌ 23 NOVEMBRE RAFFAELLA GIORDANO DANZA “CELESTE. APPUNTI PER NATURA”

20171120_celeste_raffaellagiordano_phandreamacchia_2660904

Venerdì 23 novembre prosegue la XXII edizione della rassegna Civitanova Danza tutto, tutto l’anno, un cartellone per tutti i gusti promosso dal Comune di Civitanova Marche, dall’Azienda Teatri di Civitanova e dall’AMAT, realizzato con il contributo di Regione Marche e Ministero dei per i beni e le attività culturali.

Raffaella Giordano, icona della danza contemporanea e interprete di un teatro-danza dell’esperienza e della sensibilità è in scena al Teatro Annibal Caro con un solo di rara bellezza, Celeste. Appunti per natura, dopo sei anni dal suo ultimo lavoro.

Chi la conosce sarà felice di incontrarla a Civitanova Danza, chi non la conosce non può perdere questa occasione di vedere al lavoro una delle artiste protagoniste della scena degli ultimi trent’anni e maestra carismatica per molte generazioni. Le prime radici di questo lavoro scivolano in un libro, L’estate della collina di J.A. Baker, bizzarro e misterioso scrittore inglese che racconta e descrive unicamente la natura. Il suo sguardo è posato sulla più piccola manifestazione, fino alla vertiginosa grandezza che la comprende. In questo assolo, Raffaella Giordano sviluppa per analogia i dati che trae dal mondo naturale, tratteggiando un percorso tramite un personale alfabeto corporeo. Usando le parole della protagonista “la scrittura compositiva declina per analogia frammenti del mondo naturale, il cammino si inscrive nel linguaggio del corpo, intraducibile altrimenti e l’io diventa solo il punto di origine della visione. Cosa è natura che ama creare, dove la morte. Simile al confine del mondo nel centro di un paesaggio inesistente, il desiderio di creare forme. Il silenzio è denso, leggere le note di un pianoforte, in lontananza. Come i fiori nel prato, fanno capolino i temi di sempre. Il vestito come un cielo o come una terra, la campitura di colore dai contorni imprecisi, il segno di una porosità dell’anima. Caro spettatore ti dono questo mio sentiero, specchio riflesso di un canto celeste”.

Raffaella Giordano si forma e lavora come interprete dal 1980 al 1984 con la coreografa Carolyn Carlson a Venezia. Negli anni successivi attraversa importanti esperienze in seno al Tanztheater di Wuppertal in Germania e nella compagnia l'Equisse Obadia/Bouvier in Francia. Nel 1985 è cofondatrice del collettivo storico Sosta Palmizi e dal 1986 segue un personale percorso di ricerca dando vita a numerose opere corali e solistiche, fra le più significative: Fiordalisi, …et anima mea…, Quore, Senza titolo, Tu non mi perderai mai, Cuocere il mondo e L’incontro in collaborazione con Maria Munoz, Cie Mal Pelo. Fortemente impegnata nell'ambito della formazione, dal 2009 al 2012 promuove e dirige il progetto Scritture per la danza contemporanea, biennio di studi per la sensibilizzazione e lo sviluppo delle arti corporee, e dal 2016 Azione per favorire una rete stabile di insegnamento, in sinergia con artisti e strutture operanti in Toscana. Collabora nel tempo a progetti teatrali, operistici e cinematografici con numerosi registi e autori della scena contemporanea. Nel 2016 è protagonista nel docufilm L’intrusa del regista Leonardo Di Costanzo e, nello stesso anno, cura i movimenti coreografici per Sancta Susanna di Paul Hindemith all’Opera Bastille di Parigi, con la regia di Mario Martone. Il 2017 la vede impegnata come coreografa per il film Capri-Batterie diretto da Martone, in uscita nel 2018. Dal 1991 ad oggi, insieme a Giorgio Rossi, codirige in Toscana l’Associazione Sosta Palmizi, operando allo sviluppo di un luogo di riferimento e di sostegno nell’ambito della danza italiana. Nell’autunno del 2017 presenta, ad Autunno Danza a Cagliari, il debutto del suo ultimo lavoro Celeste.

Incipit e musiche per pianoforte sono di Arturo Annecchino, incontri straordinari, complicità e pensieri di Danio Manfredini e Joelle Bouvier, editing e composizioni astratte di Lorenzo Brusci, luci di Luigi Biondi. Il costume è realizzato da Giovanna Buzzi dipinto da Gianmaria Sposito. Lo spettacolo è una produzione Associazione Sosta Palmizi con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione generale per lo spettacolo dal vivo, Regione Toscana/Sistema Regionale dello Spettacolo

Informazioni e biglietti 0733 812936 - 892101. Inizio spettacolo ore 21.15.

comments powered by Disqus