Prende il via sabato 27 aprile a Serra San Quirico la 37^ Rassegna Nazionale Teatro della Scuola, grande kermesse di teatro-educazione con scuole di tutta Italia sul tema "Educazione sentimentale e Giacomo Leopardi" in occasione dei 200 anni dell’Infinito (1819-2019) del grande poeta recanatese. Spettacoli, incontri ed eventi ad ingresso gratuito fino all’11 maggio.

70x100_rnts_2019

Una parola chiave, “L’infinito”, ed un tema “L’educazione sentimentale e Giacomo Leopardi” per celebrare i 200 anni dell’Infinito (1819-2019) del grande poeta, guideranno la 37esima Rassegna nazionale Teatri della Scuola di Serra San Quirico, che si terrà da sabato 27 aprile a sabato 11 maggio 2019, con centinaia di giovani di scuole di ogni ordine e grado di ogni parte d’Italia e da vari paesi d’Europa. La rassegna marchigiana, organizzata da ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata, è la più grande kermesse nazionale dedicata al Teatro Educazione: un progetto culturale durante il quale sono presentati gli spettacoli prodotti dalle Scuole di ogni regione d’Italia, e dove si organizzano momenti di confronto e scambio culturale sul Teatro Educazione. In calendario, ogni giorno, spettacoli con i bambini ed i ragazzi delle scuole partecipanti, laboratori, incontri, feste teatrali. Tutti gli appuntamenti della rassegna saranno al Teatro Palestra e ad ingresso gratuito. Costruita ogni anno intorno ad un personaggio guida, per il 2019 la Rassegna Nazionale di Teatro della Scuola approfondisce – attraverso la vita e le opera di Giacomo Leopardi – la necessità di un’educazione alla vita emotiva, in un tempo e in una società in cui è sempre più difficile parlare di emozioni. La sfida della Rassegna sarà quella di coniugare, attraverso il Teatro Educazione, educazione e sentimento, come seppe fare il grande poeta recanatese in un continuo afflato di struggete bellezza. L’Educazione Sentimentale, sia nel teatro che nella scuola, sarà la via per la crescita della persona e la realizzazione di una cittadinanza partecipata. Alla manifestazione parteciperanno 28 gruppi teatrali, con scuole di ogni ordine e grado di ogni parte d’Italia di cui 15 Istituti Comprensivi, 7 Istituti Superiori, 4 gruppi di TOS Teatro Oltre la Scuola, 2 scuole europee – una dalla Spagna e l’altra dalla Germania. Nello staff, 40 educatori, operatori di teatro educazione, volontari, stagisti di scenografia ed organizzazione provenienti dalle Accademie di Belle Arti di Milano e Macerata. Oltre 30 gli spettacoli presentati, numerosi gli eventi e gli incontri aperti al pubblico. Tra le peculiarità della rassegna, è che le attività delle scolaresche presenti e degli ospiti si articolano ogni giorno intorno ad alcuni “verbi” portanti: il “fare” teatro, con rappresentazioni in palcoscenico e nell’ambito di numerose attività laboratoriali, il “vedere” le rappresentazioni delle altre scuole, il “parlare” di teatro della scuola nel salotto teatrale e quindi “riflettere” sul processo educativo e teatrale, il “partecipare” alle attività teatrali (laboratori ed officine). Tra gli spettacoli proposti, martedì 30 aprile alle ore 21 va in scena “Fuori misura” della compagnia “Quelli di Grock” - bizzarra e coinvolgente lezione sulla vicenda umana e l'opera di Giacomo Leopardi, che mette al centro temi e problemi legati all'adolescenza come l'inadeguatezza, il desiderio e la paura d'amare, la sensazione di essere sbagliati, di essere ‘fuori misura’. In cartellone anche due nuove produzioni dell’Atgtp: “Il grande gioco” che vede protagonisti Silvano Fiordelmondo, attore storico del Teatro Pirata, e Fabio Spadoni attore con la sindrome di down (domenica 5 maggio ore 17) e “Federico” di Lucia Palozzi con Enrico Marconi e Lucia Palozzi ispirato alla figura di Federico di Montefeltro duca di Urbino (giovedì 9 maggio ore 15). Giovedì 2 maggio alle ore 10, incontro con Paolo Bartolini, analista filosofo, formatore e saggista, per la presentazione del libro “L’amore che salva”. Venerdì 3 maggio alle ore 9, appuntamento con l’Officina Europa, dimostrazione teatrale a conclusione del percorso d’incontro tra adolescenti e adulti in rappresentanza di un’Europa che non è utopia ma una solida realtà. Venerdì 10 maggio alle ore 11, il convegno con lo scrittore Paolo Ercolani, docente di filosofia all’Università di Urbino Carlo Bo, tratterà di “alfabetizzazione emotiva e relazionale, soprattutto nei confronti delle giovani generazioni, ormai sempre più abituate a guardare la vita attraverso gli schermi colorati dei propri smartphone, piuttosto che a sentire quella che gli accade intorno”. La Rassegna si concluderà sabato 11 maggio alle ore 21 con una Festa Finale al Teatro Palestra, occasione per presentare il personaggio guida della prossima edizione e di tutte le attività dell’associazione Teatro Giovani Teatro Pirata per la prossima stagione.

comments powered by Disqus