GLI APPUNTAMENTI CON L'ORCHESTRA SINFONICA G.ROSSINI PER FESTEGGIARE IL COMPLEANNO DI GIOACCHINO ROSSINI

Osr_capodanno2019_pesaro_ph_luigi_angelucci_02

Agenda piena nelle prossime settimane per l’Orchestra Sinfonica G. Rossini in occasione del compleanno del celebre compositore pesarese. Il Cigno, infatti, nacque a Pesaro il 29 febbraio 1792 e nel 2020, in quanto anno bisestile, si riuscirà a festeggiare il suo compleanno proprio nel giorno giusto. L’OSR, per celebrare degnamente questa importante ricorrenza, ha in programma una fitta serie di appuntamenti, ben 6 date, distribuite nel territorio e con una grande varietà di programmi e generi.

Si partirà giovedì 27 febbraio, ore 21.00 alla Chiesa dell’Annunziata con I SOLISTI DELLA ROSSINI in concerto (Henry Domenico Durante, violino I; Francesco Pellegrini, violino II; Luca Bacelli, violoncello e Francesco Mancini Zanchi, contrabbasso). La serata, a cura della Fondazione Rossini, sarà interamente dedicata a Rossini; di particolare pregio l’esecuzione del Duetto per violoncello e contrabbasso, di cui la Fondazione ha da poco dato alle stampe la nuova edizione. Saranno eseguiti inoltre brani tratti dalle 6 sonate a quattro sempre di Rossini, tra cui per esteso la Sonata n. 1 in sol magg. Di rilievo l’intervento introduttivo di Ilaria Narici, Direttore Scientifico e Direttore dell’Edizione Critica della Fondazione Rossini.

Il giorno seguente ci si sposterà al Teatro La Fenice di Senigallia, sempre alle ore 21.00, per l’Anteprima-Concerto BUON COMPLEANNO GIOACHINO! Una serata veramente speciale, organizzata dall’OSR in collaborazione con il Comune di Senigallia, in cui sarà possibile assistere al lavoro di costruzione di uno spettacolo ascoltando i dialoghi fra direttore, solista e orchestra. Per l'occasione, saliranno sul palco Nicola Alaimo, star internazionale della lirica che di Rossini è un sopraffino esecutore e l'Orchestra Sinfonica G. Rossini, una delle compagini più attive nel panorama della musica classica, diretti da Daniele Agiman che oltre ad essere il direttore artistico dell’OSR e ottima bacchetta, possiede grandi capacità divulgative.

Il giorno proprio del compleanno di Rossini, 29 febbraio, l’OSR sarà al Teatro Rossini di Pesaro con CELEBRAZIONI ROSSINIANE. La serata rientra nelle iniziative messe in campo dal Comune di Pesaro che ogni anno in questo periodo festeggia la data di nascita del suo celebre concittadino. Sul palco ancora una volta il grande trio del giorno precedente: Nicola Alaimo, Orchestra Sinfonica G. Rossini e Daniele Agiman con un programma incentrato sulle musiche di Rossini ma non solo… La serata infatti renderà omaggio anche a Wolfgang Amadeus Mozart, che nell'estate del 1770, quindi 250 anni fa, passò proprio per le Marche di ritorno a Bologna da una visita a Roma. Usando un po’ la fantasia potremmo quasi vedere una sorta di passaggio di testimone ideale tra il giovane genio salisburghese e Rossini, che a Mozart guardò come modello e guida.
Il programma prevede infatti l'accostamento continuo tra composizioni tratte dai maggiori capolavori dei due compositori, con l'intento di verificare attraverso l'ascolto quanto la lezione mozartiana sia passata nel tratto compositivo del giovane Gioachino, non impedendogli d'altra parte di sviluppare un linguaggio autonomo e originale. Sarà quindi una doppia festa della musica con Alaimo che si misurerà con le più celebri arie del repertorio rossiniano e mozartiano, tratte da capolavori quali Don Giovanni, Barbiere di Siviglia, Nozze di Figaro, Cenerentola…e nello stesso tempo la Rossini che sarà chiamata ad eseguire una delle più scintillanti ed esuberanti sinfonie mozartiane, la Sinfonia n. 35 in Re maggiore K 385, nota come “Haffner”, dal cognome di una famosa famiglia salisburghese che la commissionò in occasione del conferimento del titolo nobiliare "von Imbachhausen" a Sigmund Haffner. Insomma, un’occasione imperdibile per mettere a confronto il talento narrativo e teatrale dei due grandi compositori e festeggiare tutti assieme il compleanno di Rossini.

Il 5 e 6 marzo a Fano sarà poi la volta de L’Italiana in Algeri, una delle più amate opere di Rossini. Il Teatro della Fortuna ospiterà il nuovo allestimento della Rete Lirica Marchigiana realizzato in collaborazione con il Rossini Opera Festival e l’Accademia Rossiniana ”Alberto Zedda”. Sul podio l’energia e la brillantezza dell’astro emergente, Vincenzo Milletarì, già allievo di maestri come Riccardo Muti e Fabio Luisi. È un’opera molto divertente in cui si riderà, dando spazio, però, anche alla riflessione sulla patria lontana e sul ruolo delle donne. In sintesi, tanto divertimento e moderna attualità.

Si chiuderà il 9 marzo, sempre al Teatro Rossini di Pesaro con INNO ALLA GIOIA – Per il Giappone dall’Italia e dal Vaticano che vedrà Pesaro ospitare nuovamente una delegazione giapponese guidata dal tenore-manager Masahiro Shimba che ormai Pesaro conosce bene. Ancora una volta l’appuntamento prevedrà la collaborazione di artisti italiani e giapponesi. Sul palco infatti al fianco della Rossini avremo i rappresentanti del Coro di Tokyo e del Coro San Carlo di Pesaro e alcuni giovani musicisti giapponesi. Sarà l’occasione anche per la consegna del Pesaro Music Awards a Shimba che lo scorso dicembre non riuscì a ritirare per impegni concomitanti. L’appuntamento avrà una coda anche il giorno seguente a Roma nella Chiesa di San Paolo fuori le Mura.

comments powered by Disqus