Bilancio molto positivo per l’edizione “extra-ordinaria” del Clown&Clown Festival e del grande evento finale

Carillon-vivente-c_c2020-3-ph-massimo-zanconi

È terminata con successo la XVI edizione del Festival che si fa messaggero del valore universale e terapeutico della risata in una giornata densa di eventi e grandi emozioni.
Il festival ha messo al centro l'importanza delle arti performative dal vivo in un periodo molto difficile e complicato per esse, garantendo le disposizioni di sicurezza regalando bellezza al pubblico in sicurezza in nome del claim #piubellidalvivo.

Sold out l’evento finale “Distanti per sorridere…d’istanti” nel corso del quale è stato consegnato il Premio Clown nel Cuore a un commosso Arturo Brachetti, che si è detto lusingato di ricevere un premio che riconosce il clown che ha nel cuore e non solo quello che porta in scena.
Durante l’evento ci sono stati anche gli interventi dei comici Didi Mazzilli ed Enzo Polidoro, di un ispiratissimo Gianluca “Scintilla” Fubelli, la poetica e la bellezza del Carillon Vivente, spettacolari performance aree della Compagnia dei Folli, la magia dei Disguido e del giovane Raffaello Corti.


Dall’1 al 4 ottobre si è svolta a Monte San Giusto (MC) la XVI edizione del Clown&Clown, Festival Internazionale di Clownerie e Clown-Terapia ideato nel 2005 con l’intento di unire le due anime del clown, quella artistica e spettacolare con quella volontaristica e sociale dei clown dottori.
Per le ovvie motivazioni legate alle disposizioni anti-covid, è stata una edizione extra-ordinari a che ha proposto un programma concentrato ma fedele agli elementi distintivi della manifestazione: spettacoli circensi e di clownerie, appuntamenti dedicati alla dimensione sociale, senza dimenticarsi della formazione rivolta alle scuole e quella dedicata alla clownterapia con i corsi FNC.

Il festival ha rimesso al centro l'importanza delle arti performative dal vivo in un periodo per esse così difficile, dando uno spiraglio di ottimismo e di speranza a numerosi artisti, garantendo le disposizioni dei protocolli di sicurezza e regalando bellezza al pubblico in nome del claim #piubellidalvivo.

La giornata conclusiva del 4 ottobre si è aperta alle 11 con la presentazione del libro “Clowndottori” di Francis Calsolaro, è proseguita alle 15 con il bellissimo spettacolo “Volta pagina: un cabaret sopra le righe" della compagnia Circo Patuf e si è concluso con l’evento di chiusura intitolato “Distanti Per Sorridere… D’Istanti” che ha registrato il sold out.

Un grande varietà che ha emozionato organizzatori, artisti e pubblico con tante poetiche immagini, divertenti performance e la consegna del Premio Clown nel Cuore Ad ARTURO BRACHETTI, che si è detto lusingato di ricevere un premio che riconosce il clown che ha nel cuore e non solo quello che porta in scena.
Il grande artista si è emozionato insieme ai presentatori e agli organizzatori dell’Ente Clown&Clown e si è esibito in uno dei suoi numeri più apprezzati, il racconto di una divertente storia con un tovagliolo “trasformista” che è diventato, di volta in volta, bandana, bandiera, ventaglio e tanti altri oggetti.

Il Premio Clown nel Cuore è un riconoscimento che ogni anno il Festival assegna a persone che si sono distinte per il loro impegno nel sociale e per essersi fatte messaggere del valore terapeutico della risata attraverso la propria arte e il proprio lavoro.

L'arte circense e le splendide acrobazie aeree della Compagnia dei Folli hanno meravigliato e tenuto con il fiato sospeso tutta la piazza. La poesia e l’incanto effimero del Carillon Vivente ha attraversato tutta la piazza in due occasioni ed ha svolto il compito di “spegnere” il naso rosso sul campanile della chiesa e di chiudere simbolicamente l'edizione.

Le risate sono state assicurate da un ispiratissimo Gianluca “Scintilla” Fubelli e dalle performance di comicità, magia e illusionismo dei Disguido e del giovane Raffaello Corti.

Sono mancati i colori e la gioia dei rimbalzi, ma i presentatori Enzo Polidoro e Didi Mazzilli hanno concentrato le emozioni in un momento toccante che li ha visti protagonisti con un unico pallone rosso, prima abbracciato sul palco e poi lasciato volare in un simbolico appuntamento alla prossima edizione.

BREVI INFORMAZIONI SUI PROTAGONISTI DELL’EVENTO FINALE

Enzo Polidoro e Didi Mazzilli sono comici e cabarettisti che hanno partecipato a diverse trasmissioni televisive nazionali, da diversi anni preziosi ospiti e collaboratori del Festival.

Gianluca Fubelli, noto con lo pseudonimo di Scintilla, è un attore, comico e conduttore televisivo italiano che dal 1998 al 2013 ha fatto parte del gruppo I Turbolenti, è ospite fisso di Colorado su Italia 1 ed ha fatto parte di diverse altre importanti produzioni televisive e cinematografiche.

Il Carillon Vivente della compagnia Italento è un pianoforte meccanico munito di ruote e motore che vaga sulle note musicali guidato da un settecentesco pianista mentre un’eterea ballerina balla sulle punte in tutù.

Lo spettacolo è stato protagonista nel 2015 del videoclip "Beautiful Disaster" con la pop star Mika e ospite alla finale di X-Factor insieme a Cold-Play e Skunk Anansie. Nel 2016 ha partecipato al video del brano "Vorrei ma non Posto" con Fedez e J-Ax. Nel 2018, un video amatoriale che riprendeva la performance a Sanremo ha totalizzato più di 44 milioni di visualizzazioni e un milione di condivisioni diventando il "video italiano più visto su Facebook".

La Compagnia dei Folli - storica compagine marchigiana specializzata in spettacoli di teatro urbano e d’immagine che raccontano storie e leggende senza tempo e senza confini con l’uso di trampoli, fuoco, danzatori ed attori sospesi – sarà protagonista di una performance aerea creata ad hoc per l’evento.

I Disguido sono un duo di fantasisti, una coppia 50&50 sul palco e nella vita, due attori eccentrici ed esuberanti, illusionisti e performers eclettici che si sono aggiudicati diversi prestigiosi premi in Italia e all’estero.

Raffaello Corti è un giovanissimo mago che ha partecipato al ClownFactor ed ha vinto il Premio Taklimiri della passata edizione, partecipando poi con ottimo successo alla trasmissione televisiva “Tu si que vales”


L'azienda Galizio Torresi è il main sponsor dell'edizione, insieme al sostegno essenziale di enti pubblici e numerosi privati che continuano a credere nel festival e nel potere di un sorriso...
Radio Subasio si conferma radio ufficiale per il terzo anno consecutivo. La superstation fondata 43 anni fa è leader nel Centro Italia per numero di ascoltatori che la seguono in FM, in streaming o scaricando la app.

[In foto: Carillon Vivente, ph Massimo Zanconi]

comments powered by Disqus