DPCM DEL 18 OTTOBRE 2020: COSA ACCADE ALLO SPETTACOLO DAL VIVO?

Regioparma_0

A pochi giorni dall'ultimo Dpcm, il Governo ha emanato un nuovo decreto con misure anti-Covid più stringenti, dato il sempre più crescente numero di contagi registrato su tutto il territorio nazionale: distanziamento fisico e divieto di assembramenti rimangono i punti fermi con cui contrastare la diffusione del virus.

Per quanto riguarda la cultura e lo spettacolo dal vivo, il nuovo decreto non prevede misure diverse rispetto al Dpcm precedente: continuano a rimanere aperti teatri, musei e luoghi di cultura in genere nel rispetto delle norme di protezione e prevenzione, con posti a sedere preassegnati e distanziati di almeno un metro, e con un numero massimo di mille spettatori per spettacoli all'aperto e di duecento spettatori in luoghi chiusi.
Sono consentite fiere e manifestazioni pubbliche in forma statica.

Nelle stesse ore in cui veniva elaborato il nuovo decreto anti-Covid, è stata inoltre varata la manovra per il 2021, che ammonta a 40 miliardi di euro e prevede anche risorse destinate a cultura e turismo.


PUOI LEGGERE IL DPCM QUI

E GLI ALLEGATI QUI

comments powered by Disqus