Bando ERetici. Le strade dei teatri 2020_2021

Eretici_le-strade-dei-teatri_call_2020_2021-e1604499144760

Residenze, finanziamento, accompagnamento e monitoraggio per progetti under 28. Un bando di Corte Ospitale e L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino. Scade il 10 gennaio 2021.

Il Centro di Residenza Emilia-Romagna, composto da L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino e La Corte Ospitale di Rubiera, presenta la seconda edizione di ERetici, progetto di residenze creative.

Il Centro di Residenza Emilia-Romagna non vuole perdere la prossimità e la relazione con gli artisti ma vuole continuare a cercare dentro i teatri la vitalità di nuovi ERetici che possano incendiare la scena del presente e del futuro. Il nostro pensiero è rivolto alla situazione generale, all’emergenza e alle soluzioni collettive che possano modificare radicalmente lo stato dell’arte e degli artisti, ma nel frattempo proseguiamo nel nostro obiettivo: accogliere e sostenere i processi creativi degli artisti (studio, ricerca, formazione, composizione di nuove opere) e le relazioni con le comunità di riferimento (amministratori, cittadini, spettatori).

ERetici, le strade dei teatri, dunque, è una call che si rivolge ad artisti under 28 del panorama nazionale, e parallelamente è anche una call rivolta a 10 spettatori under 30 dell’Emilia-Romagna.

>>> ERetici, le strade dei teatri – Call per giovani artisti under 28 del panorama nazionale

Il Centro di Residenza Emilia-Romagna, con ERetici – call per giovani artisti intende sostenere un progetto di residenze creative per comprendere e rilanciare le esigenze artistiche e organizzative di giovani artisti (singoli artisti e formazioni artistiche) che si affacciano o si sono appena inseriti nel contesto delle arti sceniche e performative contemporanee. Per la stagione 2020_2021 la call è aperta agli artisti under 28 anni di tutto il territorio nazionale. Sono ammessi a partecipare alla call progetti di residenza che esplorino i diversi linguaggi e le possibili connessioni delle arti sceniche e performative, in particolare: teatro, danza, performing arts, circo contemporaneo.

Verrà selezionato un solo progetto che avrà diritto a quattro periodi di residenza creativa, un contributo economico di € 1.500,00 lordi per ogni sessione di residenza, per un contributo totale di € 6.000,00 lordi ; accompagnamento critico e tutoraggio artistico e tecnico; vitto e alloggio nelle foresterie di L’arboreto – Teatro Dimora di Mondaino e La Corte Ospitale di Rubiera.

Nei luoghi e nei tempi di residenza saranno attivati dispositivi di osservazione e confronto artistico, tecnico e organizzativo; incontri formativi con altri artisti, studiosi, operatori e tecnici professionisti per stimolare il processo creativo e incoraggiare lo scambio e i dialoghi tra i vari partecipanti.
I tutor Daniele Del Pozzo, Elena Di Gioia, Gerardo Guccini, Enrico Pitozzi e quelli interni al Centro di Residenza metteranno a disposizione degli artisti in residenza saperi e competenze, esperienze e servizi per condividere gli interrogativi dei processi di ricerca, formazione e composizione di una nuova opera. Da questa edizione si aggiunge la presenza di BAM! Strategie Culturali, un team di professionisti che operano nel campo della progettazione culturale e della relazione tra artisti e spettatori, che accompagnerà la compagnia nell’acquisire strumenti sull’audience development, attraverso un workshop dedicato e il racconto di case studies e buone pratiche.

I progetti presentati devono essere totalmente inediti, non devono essere mai stati presentati in pubblico e lo spettacolo potrà debuttare solo al termine del percorso di residenza. I progetti presentati non devono essere stati oggetto di partecipazione ad altri bandi. Sono escluse dalla call gli artisti e le formazioni finanziate dal MiBACT.

Il 3 luglio 2021 presso La Corte Ospitale di Rubiera (RE) sarà organizzata una presentazione in forma di studio del lavoro dell’artista selezionato. Un confronto regionale e nazionale aperto al pubblico e agli operatori interessati alla produzione e alla circuitazione della nuova opera. Compito del Centro di Residenza Emilia-Romagna sarà anche quello di favorire una filiera fra i comparti del sistema teatrale regionale e nazionale: ricerca, produzione, circuitazione. Durante la giornata di restituzione pubblica saranno presentati anche i pensieri, le riflessioni e le azioni dei Custodi delle Residenze.

>>> ERetici , le strade dei teatri – Archivio aggiornato delle arti sceniche e performative contemporanee

Anche per il 2020_2021, il Centro di Residenza Emilia-Romagna intende proseguire nella costruzione di un Archivio aggiornato delle arti sceniche e performative contemporanee.
Gli artisti che presenteranno le loro candidature, dovranno compilare un Questionario on-line. Le informazioni serviranno alla costruzione di molteplici racconti che restituiscano le motivazioni delle proposte, i desideri e le necessità degli artisti; nello specifico, le relazioni con i maestri, le attività di formazione in corso d’opera e le fioriture dei progetti. La raccolta e l’analisi dei dati diventeranno un osservatorio sensibile delle ispirazioni e delle aspirazioni dei possibili protagonisti dei teatri del presente e del futuro: del fare e del dire degli artisti che agiscono sul divenire delle scene.

Fonte: www.teatroecritica.net

comments powered by Disqus