A Pesaro progetto europeo per arti sceniche nelle carceri con diverse realtà marchigiane coinvolte

Unnamed__22_

Workshop dal 12 al 17 settembre 2021
c/o Villa Borromeo - Via Amedeo Avogadro 40, PESARO
ESCAPE: Encouraging use of SCenic Arts in Prisoners’ Education violence
Meetings, workshop, conferenze, spettacoli, video, mostre ed eventi in Italia, Portogallo e Spagna


LE INFORMAZIONI IN BREVE

Organizzazioni di Italia, Portogallo e Spagna si sono unite da gennaio 2020 nella realizzazione di un progetto finanziato dal programma europeo Erasmus+ con l’obiettivo di massimizzare l’uso e l’impatto di arti performative - teatro, danza e musica - nelle strategie e nelle pratiche educative dei sistemi carcerari, realizzando linee guida utili a tutti gli operatori del settore previamente sperimentate in appositi corsi pilota realizzati nei penitenziari dei tre paesi partner.

Capofila del progetto è il "**Comitato il Nobel per i Disabili" fondato da *Franca Rame** e Dario Fo; i penitenziari coinvolti dalle attività sono quelli di Pesaro (I), Siviglia (ES), Covilhã (P) e Porto (P).

Dal 12 al 17 settembre 2021 si svolge a Pesaro e a Urbino un workshop riservato ai ricercatori del progetto con l’obiettivo di discutere i prodotti delle ricerche realizzate, le loro applicazioni nei corsi pilota che si sono svolti nei mesi scorsi nelle carceri coinvolte e di pianificare le azioni e le attività future.

Fa parte del gruppo dei ricercatori Vito Minoia, Direttore del Teatro Aenigma e della Rivista europea “Catarsi, Teatri delle diversità”, Premio Letterario Gramsci 2011 per il testo teatrale “Lettere dal Carcere”, frutto di una drammaturgia collettiva con la Compagnia “Lo Spacco” nella Casa Circondariale di Pesaro.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/escapeprojecterasmus
Indirizzo email: europe@comitatonobeldisabili.it
Website: www.erasmus.com


IL PROGETTO ESCAPE

Iniziato nel mese di gennaio 2020, “éééESCAPE - Encouraging the use of SCenic Arts in Prisoners’ Education” è un progetto *Erasmus+ promosso da una partnership transnazionale composta da:

  • Nuovo Comitato Nobel per i Disabili (capofila con sede a Gubbio, Italia), fondato da Franca Rame e Dario Fo;
  • CEPER “Afonso Muriel”, centro di istruzione per gli adulti che opera con i detenuti del penitenziario di Siviglia (ES);
  • Compagnia Teatrale portoghese ASTA (Covilhã, Portogallo);
  • Associazione Nuovi Linguaggi (Loreto, Italia).

Il progetto prevede meetings, workshop, conferenze, spettacoli, video, mostre ed eventi nei tre paesi partner. Oltre a varie associazioni e ai penitenziari di Pesaro (I), Siviglia (ES), Covilhã (P) e Porto (P), collaborano alle varie attività l’Associazione Teatro Aenigma (I), la Asociación Española de Educación Emocional (ES) e AIM- Association of Interculturar Mediators (RO). Il project manager è Nazzareno Vasapollo, professionista esperto nell’ideazione e nella gestione di progetti transnazionali finanziati da programmi UE.

Il macro-obiettivo di ESCAPE è quello di massimizzare l’uso e l’impatto delle arti performative nelle strategie e nelle pratiche educative all’interno dei sistemi carcerari.

Al termine del percorso di oltre due anni di lavoro verranno messe a punto linee guida per l’uso di teatro, musica e danza a supporto dei processi educativi nelle carceri europee, testate con apposite attività formative rivolte a educatori e allievi in stato di detenzione.

Fa parte del gruppo dei ricercatori Vito Minoia, Direttore del Teatro Aenigma e della Rivista europea “Catarsi, Teatri delle diversità”, Premio Letterario Gramsci 2011 per il testo teatrale “Lettere dal Carcere”, frutto di una drammaturgia collettiva con la Compagnia “Lo Spacco” nella Casa Circondariale di Pesaro.

Il progetto intende offrire dei riferimenti, degli esempi. Far intravvedere possibilità e potenzialità che possano sensibilizzare e stimolare altri operatori e organizzazioni a far divenire le arti performative elemento essenziale nelle proprie pratiche e nei propri sistemi educativi.

Le risultanze del complesso delle esperienze maturate verranno riportate in apposite pubblicazioni affinché vengano prese a riferimento a livello sistemico all’interno e all’esterno della partnership.


IL WORKSHOP A PESARO E URBINO

Dal 12 al 17 settembre 2021 si svolge a Pesaro (c/o Villa Borromeo - Via Amedeo Avogadro 40) il workshop riservato agli operatori del progetto con l’obiettivo di discutere i prodotti delle ricerche fino ad ora realizzate e di valutare i risultati delle loro applicazioni nei corsi pilota che si sono svolti con i detenuti dei penitenziari di Covilhã, Pesaro, Porto e Siviglia nei mesi scorsi.

Nel corso dell’evento verranno date informazioni sul lavoro di preparazione dello spettacolo “Sopravvissuti” a cura di Francesco Gigliotti e Romina Mascioli della associazione Teatro Aenigma di Urbino e si svolgeranno sessioni di “Teatro Forum” a cura di Roberto Mazzini della Cooperativa Sociale GIOLLI di Reggio Emilia, specializzata sui metodi Boal e Freire relativi al c.d. Teatro dell’Oppresso.

Sono previsti interventi di:

  • Esperanza Fernández Fernández, Elena González Ortiz, Marta Naranjo Ramos, Isabel Navarro Martin e María del Pilar Perogil Díaz per il CEPER di Siviglia,
  • Vito Minoia e Nazzareno Vasapollo per il Comitato Nobel per i Disabili
  • Sérgio Manuel Pereira Novo, per la Compagnia teatrale portoghese ASTA
comments powered by Disqus