Carolin Widmann – violino Dénes Várjon – pianoforte

Widmannvarjon

Due fuoriclasse di fama internazionale, un programma di spettacolare bellezza, e un concerto di alta caratura: Carolin Widmann, violino, e Dénes Várjon, pianoforte, venerdì 10 dicembre, Teatro Sperimentale, ore 20,30, per la centesima stagione Amici della Musica “Guido Michelli”. Il programma: Leoš Janáček, Sonata per violino e pianoforte JW 7/7; Johannes Brahms, Sonata per violino e pianoforte n.1 in sol maggiore, Op.78; Antonín Dvořák, Quattro pezzi romantici; César Franck, Sonata per violino e pianoforte in la maggiore, FWV 8.

Carolin Widmann è nata a Monaco di Baviera e ha studiato con Igor Ozim a Colonia, Michèle Auclair a Boston e David Takeno alla Guildhall School of Music and Drama di Londra. Musicista meravigliosamente versatile, Carolin Widmann spazia tra i grandi concerti classici, le nuove commissioni scritte appositamente per lei, i recital solistici, un'ampia varietà di musica da camera e concerti con strumenti d'epoca, inclusa la direzione/esecuzione dal violino. Prolifica musicista da camera, la Widmann appare regolarmente nelle principali sale da concerto tra cui Wigmore Hall di Londra, Bozar di Bruxelles, Louvre Parigi, Festspielhaus Baden-Baden, Philharmonie Berlin e la Konzerthaus di Vienna. L’interesse anche per altre forme di arte ha portato la Widmann a esibirsi in concerti coreografici con la ballerina Sasha Waltz, alla Mozartwoche di Salisburgo e all'Elbphilharmonie di Amburgo. Carolin Widmann ha tenuto un recital da solista in uno stadio di calcio di Francoforte su progetto dell'architetto Daniel Libeskind, e ha ideato ed eseguito speciali concerti in musei come il Museum Ludwig di Colonia e il Museum of Modern Art MMK di Francoforte. A marzo 2019, ha fatto parte di un progetto dell'artista performativa Marina Abramović. Carolin Widmann suona un violino G.B. Guadagnini del 1782. "Le interpretazioni di Dénes Vá́rjon sono eleganti, appassionate e sempre di grande impatto strumentale" (New York Times). La tecnica sensazionale, la profonda musicalità, l’ampio spettro degli interessi hanno fatto di Dénes Várjon uno dei partecipanti più interessanti della vita musicale internazionale. È un musicista universale: eccellente solista, interprete di musica da camera di prima qualità, direttore artistico di festival musicali, pedagogo molto stimato. Considerato come uno dei più grandi cameristi, lavora frequentemente con partner quali Steven Isserlis, Tabea Zimmermann, Kim Kashkashian, Jörg Widmann, Leonidas Kavakos, András Schiff, Heinz Holliger, Miklós Perényi, Joshua Bell, i Quartetti Carmina, Takacs ed Endellion. Come solista è un ospite atteso nelle più importanti sale concertistiche internazionali, quali Carnegie Hall di New York, Konzerthaus di Vienna e Wigmore Hall di Londra e nei Festival internazionali più rinomati: da Marlboro a Salisburgo a Edinburgo. Dénes V́arjon ha iniziato gli studi nel 1984 presso l’Accademia Musicale Ferenc Liszt. Ha ricevuto lezioni di pianoforte da S. Falvai e di musica da camera da G. Kurtág e F. Rados, ottenendo il diploma nel 1991. Ha inoltre preso parte alle master class di A. Schiff. Nel 1985 Varjon ha ricevuto un premio speciale al “Concorso Pianistico della Radio Ungherese” ed il Primo Premio al “Concorso di Musica da Camera” Leo Weiner di Budapest. Nel 1991 ha vinto il “Concorso G̀eza Anda” di Zurigo. All’età di 25 anni ha debuttato ai Salzburger Festspiele con la Camerata Accademica Salzburg diretta da Sandor V́egh.
Biglietti in vendita alla biglietteria del Teatro delle Muse da 5 euro, ridotti extra (Gruppi di allievi di Scuole Medie Inferiori e Superiori; bambini e ragazzi fino a 19 anni) a 22 euro (interi) 

comments powered by Disqus