TORNA LA STAGIONE REGIONALE DELLA FORM: MUSICAINSIEME

Alexandra-tirsu-_copyright_daniel_delang

Oltre 50 concerti della “Colonna sonora delle Marche” in tutta la regione, da Ascoli Piceno a Pesaro


Dopo i concerti in streaming Soundelivery - la musica dove vuoi tu della scorsa stagione e la ripresa delle attività in presenza con il percorso SiamoMusica! che ha occupato l’estate e l’autunno, la FORM riparte finalmente nel 2022 con una stagione invernale tutta dal vivo: Musicainsieme, a sottolineare il valore fondamentale della musica live come “prodotto artistico”, unico e irripetibile, della sinergia fra esecutori sul palco e pubblico in sala.

La nuova stagione è stata presentata dal presidente FORM Marco Manfredi, dal direttore artistico Fabio Tiberi e dal direttore principale Alessandro Bonato; l’assessore regionale alla Cultura Giorgia Latini, ha inviato un messaggio di saluto. «Si riparte - ha detto l’assessore Latini -, la FORM è una delle Istituzioni musicali più importanti a livello nazionale e ci riempie d’orgoglio come marchigiani sapere che siamo all’apice nazionale con la nostra orchestra. Un ringraziamento anche per il grande lavoro svolto con il pubblico più giovane, è fondamentale trasmettere la passione per la musica con lo spettacolo dal vivo. La regione Marche tiene molto al sostegno e alla crescita della FORM, e anche se siamo ben riconosciuti, l’obiettivo è salire sempre più in alto in ambito nazionale».

Il presidente FORM Manfredi, che ha portato i saluti del nuovo CDA che si è insediato da poche settimane e del Rettore dell’Università Politecnica delle Marche, Gian Luca Gregori, ha evidenziato i molteplici progetti che vengono realizzati in collaborazione con teatri prestigiosi, non solo in Italia. «Ricominciamo una stagione in presenza su tutto il territorio regionale, con un sostanzioso e qualificante programma, con la concentrazione di tutte le nostre forze e con il sostegno della Regione. Vogliamo valorizzare i rapporti con Enti ed istituzioni del territorio e far sentire la presenza della nostra Istituzione anche nei comuni più piccoli, con programmi appositi. Ma la Filarmonica Marchigiana si esibirà pure al di fuori dei confini regionali e di quelli nazionali».

Quindi Fabio Tiberi ha presentato il cartellone. «Partiamo il primo gennaio con il Concerto per il Nuovo Anno, uno dei cicli più amati dal pubblico. La musica dal vivo non può avere la sua massima espressione se non ha un pubblico che respira la stessa atmosfera dell’orchestra, è una necessità, e l’auspicio è che si possa fare compiutamente in questo periodo. Nei prossimi mesi vedremo artisti riconosciuti a livello internazionale e giovani talenti, con cui intendiamo avviare un percorso attraverso il quale testimoniare la vicinanza dell’Istituzione verso le giovani generazioni, siano essi artisti o fruitori delle nostre proposte».

Il tradizionale Concerto per il Nuovo Anno, diretto da David Crescenzi con la partecipazione del soprano Rasha Talaat, è in programma dal 1° al 7 gennaio rispettivamente a Fermo, Macerata, Osimo, Senigallia e Jesi; la Stagione 2022 prende poi il via il 14 gennaio dal Teatro delle Muse di Ancona con un grande concerto diretto da Alessandro Bonato. In programma due capolavori del Romanticismo tra i più significativi e amati dal pubblico: il Concerto per violoncello di Schumann, eseguito da Miriam Prandi, e la Quarta Sinfonia di Brahms.
Si imprime così, con questa apertura, il “marchio” culturale ed artistico all’intera stagione, composta di 8 programmi, tra gennaio e maggio, fondati prevalentemente sul grande repertorio romantico e novecentesco in un’ottica di connessioni-riflessi-contrasti fra generi, stili e autori. Un percorso intenso e coinvolgente, che da Schumann e Brahms passa attraverso Debussy e Schubert, Šostakovič e Ravel, Saint-Saëns e Mendelssohn, Berg, Čajkovskij, per concludersi con Gulda e Gershwin.

«Un repertorio non spesso frequentato dalle orchestre - ha dichiarato il Maestro Bonato - e con grandi protagonisti. Oltre al Concerto di Apertura, dirigerò altri due concerti: “ŠOSTAKOVIČ E RAVEL” (seconda metà di febbraio), con l’emozionante Sinfonia da camera in do min., op. 110a di Šostakovič (trascrizione per orchestra d’archi di Rudolf Barshai del Quartetto n. 8) e il Concerto per pianoforte in sol di Ravel interpretato da Benedetto Lupo; “ČAJKOVSKIJ 4” (inizio aprile), con la Quarta Sinfonia di Čajkovskij preceduta dal Concerto per violino dello stesso autore eseguito da Alessandra Tirsu».

Insieme ad amici e storici compagni di viaggio dell’Orchestra, come David Crescenzi e Manlio Benzi, saranno coinvolti in questo affascinante percorso stagionale solisti di caratura mondiale, come il menzionato Benedetto Lupo, Francesco Di Rosa, Luigi Piovano, Daniel Rowland, Stefan Milenkovich (con il quale la FORM si trasferisce in aprile fuori regione nei teatri di Cremona e di Como), affiancati da giovani interpreti già acclamati anche all’estero, come la stessa Miriam Prandi, o da nuovi talenti distintisi presso prestigiosi concorsi internazionali, quali Alessandra Tirsu ed Ettore Pagano. Da sottolineare il rilievo particolare conferito dalla FORM alle prime parti di importanti orchestre italiane, come Francesco Di Rosa e Luigi Piovano, rispettivamente Primo Oboe e Primo Violoncello dell’Orchestra Santa Cecilia di Roma, e allo strumento violoncello, protagonista di tre programmi che coinvolgono artisti di tre generazioni, da Luigi Piovano al giovanissimo Ettore Pagano passando per Miriam Prandi.

La FORM ribadisce, anche in questa nuova stagione, la sua speciale attenzione verso i giovani con il Family Concert “HISTOIRE DU BABAR”, in programma a marzo in diverse sedi, e i concerti dedicati al pubblico scolastico, previsti tra febbraio e marzo.

L’Orchestra offrirà al suo pubblico “prove aperte” e speciali “prodotti web”, come interviste ai protagonisti, incontri e conversazioni di musica, in forza dell’esperienza acquisita e dei nuovi territori di comunicazione esplorati durante il primo lockdown e nel corso della stagione 2021 Soundelivery.

Confermate infine le collaborazioni con le realtà più prestigiose del territorio regionale, come l’Università Politecnica delle Marche, la Società Amici della Musica “Guido Michelli” di Ancona, il Macerata Opera Festival, la Rassegna di Nuova Musica, l’Accademia d’Arte Lirica di Osimo, la Fondazione Teatro della Fortuna di Fano, gli Amici della Musica di Montegranaro, l’Ente Concerti di Pesaro, l’Amat e la Società Filarmonica Ascolana.

La stagione è realizzata con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Marche e dei Soci Fondatori: Comuni di Ancona, Jesi, Macerata, Fermo, Fano, Fabriano.

comments powered by Disqus