Tutte le news di Amici della Musica

  • Organi veneti nelle Marche

    Thumbnail_ritaglio_organi_veneti_2018
    Organi veneti nelle Marche: la rassegna alla scoperta degli organi storici custoditi nella nostra regione si avvale quest’anno di una importante collaborazione con la Fondazione Pergolesi Spontini.
  • Concerti in terrazza, edizione 2018

    Thumbnail_terrazza2018
    Visto il grande successo delle precedenti edizioni, la Società Amici della Musica G. Michelli torna a proporre al pubblico la rassegna estiva La terrazza. Conversazioni in musica.
  • Concerti in Villa: nuova rassegna estiva degli Amici della Musica

    Thumbnail_articolo_villa
    Prende avvio quest’anno una collaborazione tra la Società Amici della Musica G. Michelli e il prestigioso ISTAO – Istituto Adriano Olivetti per l’alta formazione economica di Ancona.
  • WUNDERKAMMER ORCHESTRA

    Thumbnail_2017_tenan_marzocchi_wko_lamp
    La Wunderkammer Orchestra chiude la stagione concertistica 2017/2018 Amici della Musica “Guido Michelli”, venerdì 27 aprile alle ore 21 al Teatro Sperimentale, con Paolo Marzocchi, compositore e pianista, e Carlo Tenan, compositore e direttore. Musiche in programma: Carlo Tenan: Sonata a quattro per tre, più uno, Elaborazione per WunderKammer Orchestra della Sonata a quattro n. 6 di Gioachino Rossini; Paolo Marzocchi, I quattro elementi, quattro movimenti per orchestra dai Duetti BWV 802 – 805 di J. S. Bach; Danilo Comitini, So find him Commissione WunderKammer Orchestra; Ludwig van Beethoven: Concerto per pianoforte e orchestra n. 3 op. 37, orchestrazione da camera e cadenza concertante di Paolo Marzocchi. La Wunderkammer è un ensemble da camera nato dall'esigenza di portare la musica sinfonica e il teatro musicale dove normalmente un’orchestra non può arrivare, per ragioni logistiche, di budget o, semplicemente, per la minor consuetudine di alcune platee con questa forma di espressione artistica. Si tratta di un progetto culturale nato a Pesaro nell’aprile 2017 che ha esordito simbolicamente a Lampedusa con una versione del Terzo Concerto di Beethoven realizzata per l'occasione. Sull'isola, infatti, da qualche anno Paolo Marzocchi e il direttore artistico degli Amici della Musica Guido Barbieri, hanno portato avanti progetti atti a dare impulso all’attività musicale, culminati con la campagna di crowdfunding “Un pianoforte per Lampedusa”, che ha avuto successo ed ha permesso di far arrivare sull'isola il primo pianoforte da concerto. Il pianoforte è stato inaugurato quindi il 1 aprile 2017 dalla WunderKammer Orchestra, Paolo Marzocchi e Carlo Tenan con lo stesso programma del concerto anconetano, che ha in più solo la commissione d'opera a Comitini. I due concerti, quello di Ancona con quello di Lampedusa, sono idealmente collegati, cercare di portare quell’emozione, e quel messaggio, che oggi sembra più difficile da realizzare sull'isola. Una delle ragioni per cui dedicare questo concerto all’isola più famosa d’Italia è anche cercare di far conoscere il progetto e sensibilizzare nella speranza di avere nuovi sostenitori. Una particolarità del concerto, è che Paolo Marzocchi suonerà il Terzo concerto di Beethoven su di un pianoforte “sperimentale”, “fortepianizzato” da Roberto Valli: un suono che potrebbe essere quindi vicino a quello del tempo di Beethoven, ma che non ha nessuna attinenza filologica. Gli ingressi - particolarmente agevolati per i minori di 19 anni - vanno da 4 a 22 euro. Gratuiti, in numero predefinito, per gli studenti della Politecnica delle Marche. Biglietteria Teatro delle Muse.
  • QUARTETTO PROMETEO- ENRICO BRONZI violoncello

    Thumbnail_adm_prometeo-bronzi_856x270
    «…E’ possibile toccare la perfezione? Da quello che ultimamente il panorama concertistico ci offre sembrerebbe proprio di no... Il Quartetto Prometeo sembra invece nato per rovesciare ogni assunto; così è stato al concerto della 59° Settimana Musicale Senese dove il Quartetto si è esibito in una performance memorabile suscitando l’approvazione entusiastica dei numerosissimi presenti… il Quartetto Prometeo ha dimostrato la sua grandezza, ma anche l’adamantina coerenza del proprio pensiero…»