Tutte le news di Amici della Musica

  • Stagione Concertistica 19/20: eventi rinviati a data da destinarsi

    Thumbnail_rinvio_concerti_940x550
    A causa dell’emergenza sanitaria in atto nel nostro Paese e visto il DPCM del 4 marzo scorso che prevede la sospensione di tutti gli eventi di spettacolo fino al 3 aprile prossimo, sono rinviati a data da destinarsi tutti i restanti appuntamenti della Stagione Concertistica 2019/2020. Questo al fine di tutelare la salute del pubblico, degli artisti e della comunità cittadina in generale.
  • RINVIATO PER ORDINANZA SIMONE RUBINO, percussioni, ENRICO DINDO, violoncello

    Thumbnail_rubino_dindo
    Un concerto coinvolgente e divertente in cui si avvicinano due strumenti in modo inconsueto, quello di mercoledì 11 marzo, al Teatro Sperimentale per gli Amici della Musica “Guido Michelli” con due straordinari musicisti come Simone Rubino alle percussioni e Enrico Dindo al violoncello e un programma “imprevedibile” che spazia dalla Suite di Bach n. 3 affidata alla marimba, al celeberrimo Oblivion di Piazzolla, eseguito con violoncello e percussioni, e a tanti altri bellissimi brani. I due noti musicisti, di grande bravura e grande curiosità, hanno messo a punto un programma che fa incontrare e dialogare il violoncello con tutta la numerosa e variegata famiglia delle percussioni, alternando brani in duo e da solista: Paul Hindemith, la Sonata per violoncello solo, op. 25 n. 3; Osvaldo Golijov, con il suggestivo Mariel, per violoncello e marimba; Iannis Xenakis, Rebonds, per percussioni; Astor Piazzolla, Escualo (con la partecipazione del giovane Daniele Dindo al vibrafono) e appunto Oblivion; Carlo Boccadoro, Red Harvest, per violoncello e vibrafono; ed infine la prima assoluta di Milonga y chacarera, di Roberto Molinelli, compositore, direttore d’orchestra e violista anconetano, da anni conosciuto a livello internazionale. Simone Rubino, classe 1993, è enfant prodige delle percussioni, musicista pluripremiato che ha brillantemente vinto l’ARD-Musikwettbewerb nel 2014, ha ricevuto il Crédit Suisse Young Artists Award al Festival di Lucerna nel 2016, è risultato vincitore del XXXVII Premio Della Critica Musicale “Franco Abbiati” 2018, e in questo 2020 è uno dei quattro artisti a vincere il Borletti Buitoni Trust. Rubino fa parte di una nuova generazione di percussionisti che si sono affermati nel mondo dei concerti classici e che si impegna ad ampliare il repertorio percussivo collaborando con compositori come Carlo Boccadoro, Avner Dorman, Adriano Gaglianello e Aziza Sadikova. Il fortunato album di debutto di Rubino “Immortal Bach” giustappone la terza suite per violoncello di Bach per marimba 8in programma ad Ancona) con opere contemporanee di Xenakis, Piazzolla, Cage e altri. Con il suo corrispondente programma di recital è ospite in numerosi festival come il Schleswig-Holstein Musik Festival, Heidelberger Frühling, Thüringer Bachwochen, Bachfest Leipzig e MDR Musiksommer nel 2019 e 2020. Nell’agosto 2019 è stato pubblicato il nuovo album di Simone Rubino che ha registrato insieme al Windsbacher Knabenchor con il titolo “Water and Spirit” al SONY Classical. Il programma è stato eseguito nel febbraio 2020 all’Elbphilharmonie di Amburgo. Per quanto riguarda Enrico Dindo, musicista già ospite della stagione Amici della Musica, Mstislav Rostropovich scrisse di lui: "... è un violoncellista di straordinarie qualità, artista compiuto e musicista formato, possiede un suono eccezionale che fluisce come una splendida voce italiana”. Figlio d’arte, inizia a sei anni lo studio del violoncello. Si perfeziona con Antonio Janigro e nel 1997 conquista il Primo Premio al Concorso "Rostropovich" di Parigi. Da quel momento inizia un’attività da solista che lo porta ad esibirsi con le più prestigiose orchestre del mondo come la BBC Philharmonic, la Rotterdam Philarmonic, l’Orchestre Nationale de France, l’Orchestre du Capitole de Toulouse, la Tokyo Symphony Orchestra, la Filarmonica della Scala, la Filarmonica di San Pietroburgo, la London Philharmonic Orchestra, la NHK Symphony Orchestra di Tokyo, la Toronto Symphony, la Gewandhausorchester Leipzig Orchestra e la Chicago Symphony ed al fianco dei più importanti direttori tra i quali Riccardo Chailly, Aldo Ceccato, Gianandrea Noseda, Myung-Whun Chung, Daniele Gatti, Yutaka Sado, Paavo Jarvj, Valery Gergev, Yuri Temirkanov, Riccardo Muti e lo stesso Mstislav Rostropovich. Gli ingressi - particolarmente agevolati per i minori di 19 anni - vanno da 5 a 22 euro. Gratuiti, in numero predefinito, per gli studenti della Politecnica delle Marche. Biglietteria Teatro delle Muse. http://www.amicimusica.an.it/event/simone-rubino-enrico-dindo
  • RINVIATO PER ORDINANZA REGIONALE: BEETHOVEN: INTEGRALE SONATE PER VIOLINO E PIANOFORTE, II - Francesco Senese e André Gallo

    Thumbnail_senese-gallo_856x270
    Secondo appuntamento con l’integrale delle sonate per violino e pianoforte di Ludwig van Beethoven con Francesco Senese, violino, e André Gallo, pianoforte, nel concerto di domenica 1 marzo al Teatro Sperimentale alle ore 17,30, per gli Amici della Musica “Guido Michelli”. Un bellissimo programma che prevede, tra le quattro sonate - Sonata n. 2 in la maggiore op. 12 ,Sonata n. 3 in mi bemolle maggiore op 12, Sonata n. 4 in la minore op. 23 - la celeberrima Sonata n. 5 per violino e pianoforte in fa maggiore op. 24, “La primavera”. Ascolteremo l’incessante, imprevedibile, travolgente energia sprigionata dalla meravigliosa opera di Beethoven, di cui in questo 2020 il mondo musicale celebra il 250mo anniversario della nascita, interpretata da due splendidi musicisti: il violinista Francesco Senese, prima parte della rinata Orchestra Mozart e di tutte le orchestre del grande Claudio Abbado, e il giovane, pluripremiato André Gallo che, dopo l’esordio a soli 18 anni alla Konzerthaus di Berlino, si è distinto nel panorama internazionale per l’eccellenza e l’eclettismo dimostrati nella sua attività artistica.
  • TRATTATO DELLE PASSIONI–  III. Odio e Amore. Disprezzata regina. Donne, amanti, imperatrici nella musica barocca.

    Thumbnail_pamela-lucciarini-e1522761176798-325x244
    Si conclude mercoledì 19 febbraio, al Teatro Sperimentale, alle ore 21.00, il ciclo “Trattato delle Passioni” dedicato allo splendore della musica vocale barocca. Il ciclo di tre concerti - curato dal soprano Pamela Lucciarini, insieme all’ Ensemble Recitarcandando di cui è fondatrice ed anima -, prende a prestito il titolo del trattato “Les passions de l’âme” di Cartesio e partendo dai sei “affetti primari” - Gioia, Tristezza, Amore, Odio, Meraviglia - esplora il modo in cui poeti e musicisti del Barocco italiano li hanno descritti. Le ultime due passioni, quelle che per antonomasia si contrappongono, sono Odio e Amore che qui ritroviamo rappresentate nella figura tipica del teatro in musica barocco, quella della “regina”. “Disprezzata regina. Donne, amanti, imperatrici nella musica barocca” è il titolo esplicativo del contenuto del concerto, che vede Pamela Lucciarini, voce e spinetta, e l’Ensemble del Recitar Cantando, Maurizio Piantelli tiorba e Cristiano Contadin viola da gamba, insieme con Maria Grazia Calandrone, voce poetica. La Calandrone, poetessa e drammaturga, ha immaginato il percorso poetico che scorre accanto a quello musicale, percorso non così prevedibile visto che si passa da Giovanni Battista Marino, a Rabindranath Tagore, a Li Po, Giorgio Caprone, Silvia Plath, Campana, Pasolini, Baudelaire e altri giganti della poesia, alternati a Monteverdi, Cavalli, Sigismondo D’India ecc. In questo modo le due arti, la poesia e la musica si rispecchiano l’una nell’altra, per ricreare nello spettatore di oggi un’altra delle passioni primarie previste da Cartesio: la Meraviglia. Un evento che dimostra come una musica lontana nel tempo sia invece di immediata comprensione e molto più vicina di quello che si possa immaginare, contrappuntata da magnifiche opere poetiche che attraversano anche loro i secoli nel nome di “passioni” che sono sempre state al centro della vita e dell’arte umana. Questo un promo dello scorso anno: https://www.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=A-P1wf4M8VQ&app=desktop Gli ingressi - particolarmente agevolati per i minori di 19 anni - vanno da 5 a 22 euro. Gratuiti, in numero predefinito, per gli studenti della Politecnica delle Marche. Biglietteria Teatro delle Muse.
  • WUNDERKAMMER ORCHESTRA

    Thumbnail_unnamed
    La WunderKammer Orchestra sarà ospite della stagione concertistica Amici della Musica “Guido Michelli”, domenica 9 febbraio alle ore 17,30 al Teatro Sperimentale, con Marco Vergini, pianista e Carlo Tenan, direttore.