Tutte le news di Amici della Musica

  • La Stagione Concertistica 2019/2020 degli Amici della Musica

    Thumbnail_immagine_articolo_stagione19-20-1162x680aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
    La 98ma Stagione Concertistica degli Amici della Musica, la Stagione 2019/2020, comprende 12 concerti, con programmi che spaziano dal Barocco al contemporaneo.
  • MARIO BRUNELLO - Masterclass di Violoncello

    Thumbnail_testata_masterclass_brunello-1024x409
    A San Ginesio (MC), Mario Brunello terrà una masterclass dal 16 al 20 settembre 2019.
  • I LIKE CHOPIN II

    Thumbnail_nikolaykhozyainov4704816
    Una grande chiusura per la Stagione Amici della Musica “Guido Michelli” e del breve ciclo “I like Chopin- II” dedicato ai due concerti per pianoforte e orchestra, che vede il ritorno dell'acclamatissimo giovane pianista russo Nicolaij Khozyainov, con l'Orchestra Filarmonica Marchigiana, sotto la guida del direttore Stefano Sarzani, giovedì 9 maggio alle ore 21 al Teatro delle Muse. In programma il Concerto n. 2 di Chopin, quello preferito dallo stesso autore, che raggiunge qui vette di altissima poesia, e il capolavoro di Wolfgang Amadeus Mozart , la celeberrima Sinfonia n. 41, “Jupiter”. Il concerto è in collaborazione con FORM - Fondazione Orchestra Regionale delle Marche e con l' Associazione Italo – Polacca Nuova delle Marche e il Consolato Onorario della Repubblica di Polonia di Ancona. Se la “Jupiter” è da considerarsi come il testamento sinfonico ,seppur scritto da un Mozart di 32 anni, che apre la porta ad una nuova era, quella di Beethoven, il lavoro di Chopin è il primo concerto composto in assoluto (prima del n.1 scritto qualche mese dopo) del diciannovenne compositore polacco. Fu lo stesso Chopin ad eseguirlo per la prima volta a Varsavia il 17 marzo 1830 e lo scelse anche per il suo esordio parigino, il 26 febbraio 1832. È dedicato alla contessa Delphine Potocka, bellissima giovane aristocratica falsamente ritenuta un'amante di Chopin, mentre la musa ispiratrice di questo Concerto fu Konstancja Gladkowska, studentessa di canto al conservatorio di Varsavia, a cui Chopin non rivelò mai i suoi sentimenti. L'interprete è lo strepitoso giovane talento Nicolaij Khozyainov considerato per il suo eccezionale talento uno dei migliori artisti della sua generazione, che ha già incantato e infiammato il pubblico del precedente concerto, e il direttore Stefano Sarzani molto apprezzato sia in Europa che negli Stati Uniti. Nato nel 1992 a Blagoveschensk, nell’estremo oriente della Russia, Nicolaij Khozyainov ha iniziato lo studio del pianoforte a cinque anni proseguendolo poi alla Scuola Centrale di Musica del Conservatorio Čaikovskij di Mosca dal 1999, anno in cui ha debuttato nella Sala Grande del Conservatorio. A soli 26 anni, Khozyainov ha un già un ricco palmarès: premiato in molti concorsi giovanili internazionali, nel 2010, a 18 anni, è stato il più giovane finalista al XVI Concorso internazionale “Fryderyk Chopin” di Varsavia, dove ha ottenuto una menzione speciale e ha conquistato i favori del pubblico per la maturità delle sue interpretazioni, vincendo poi il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Dublino con un’emozionante esecuzione del Terzo Concerto di Rachmaninoff, e nello stesso anno il 2° Premio e il Premio del pubblico al X Concorso internazionale di Sydney, dove ha ricevuto anche i premi per il più giovane finalista e quelli per la miglior esecuzione di due Concerti con orchestra, di un lavoro di Liszt, di un lavoro di Schubert, di uno studio virtuosistico. Khozyainov si è esibito con enorme successo in sale prestigiose come la Carnegie Hall, il Lincoln Center, il Kennedy Center a Washington, la Wigmore Hall di Londra, la Salle Gaveau, il Theatre de ChampsElysees e il Louvre a Parigi, la Sala Čaikovskij a Mosca, la Suntory Hall a Tokyo e ha collaborato con orchestre come la Tokyo Symphony, la Sydney Symphony, la Filarmonica di Varsavia, l’Orchestra Sinfonica Nazionale Ceca, l’Orchestra Sinfonica di Stato Russa, la Yomiuri Nippon. Stefano Sarzani svolge un’intensa attività sia in Europa sia negli Stati Uniti, coniugando alla centralità dell’esperienza musicale un ampio spettro di interessi extramusicali. Ha recentemente debuttato alla “Lyric Opera of Chicago” dirigendo La Bohème e vi ritornerà nella stagione prossima per collaborare a Il barbiere di Siviglia, Dead Man Walking e Siegfried. Ugualmente a suo agio sia nel repertorio sinfonico sia in quello operistico, è candidato alla direzione musicale dell’orchestra “Symphony NH” nel New Hampshire, dove ha diretto più volte nell’anno in corso. Nell’estate 2019 sarà direttore associato alla “Central City Opera” (USA) per le produzioni di Billy Budd e Madama Butterfly di cui dirigerà alcune recite. Sempre alla ricerca di nuovi modi di interagire col pubblico, è particolarmente attento all’integrazione tra musica e altre forme di comunicazione ed ha più volte creato progetti multi-arte, capaci di catturare l’attenzione dello spettatore con una molteplicità di stimoli sensoriali. Il suo progetto sul “Das Lied von der Erde” di Mahler, che unisce alla musica la poesia tradizionale cinese, la danza ed altri stimoli visuali, ha avuto un enorme successo di pubblico e critica a Cincinnati. Gli ingressi - particolarmente agevolati per i minori di 19 anni - vanno da 4 a 22 euro. Gratuiti, in numero predefinito, per gli studenti della Politecnica delle Marche.Biglietteria Teatro delle Muse. Info: http://www.amicimusica.an.it/event/i-like-chopin-ii www.facebook.com/SocietaAmiciDellaMusicagMichelliAncona
  • L'ARIA DELLA LIBERTA'- L'ITALIA DI PIERO CALAMANDREI

    Thumbnail_calamandrei_856x270
    La libertà è come l'aria: ci si accorge di quanto vale quando comincia a mancare
  • IL LAGO DEI CIGNI - Family Concert

    Thumbnail_12
    Gli Amici della Musica “Guido Michelli”, con l’Orchestra da Camera di Mantova e la Fondazione Aida di Verona, nell’ambito del progetto FATTI DI MUSICA, presentano Il Lago dei cigni - Family Concert, domenica 7 aprile 2019, Teatro Sperimentale, ore 11.