News from the Consorzio and his members

  • FUS: ONLINE LA MODULISTICA PER LA PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA ANNUALE 2019 E COMUNICAZIONE RISORSE AGGIUNTIVE PER L'AMBITO DANZA

    Thumbnail_direzione-generale-spettacolo-dal-vivo-2
    La Direzione Generale Spettacolo dal Vivo del MiBAC ha reso noto che la modulistica a preventivo per la presentazione del programma annuale 2019 da parte degli organismi già assegnatari di contributi FUS per il triennio 2018/2020 e per la presentazione del consuntivo relativo all’attività 2018 è disponibile online a partire dal 10 dicembre 2018.
  • MigrArti è morto, lunga vita a MigrArti! Associazione MALTE rilancia con nuove iniziative e una produzione in arrivo

    Thumbnail_foto_nella_giungla_delle_citta_
    Nella Giungla delle città. L’irruzione del reale è un progetto di Sonia Antinori dell’Associazione MALTE - Musica, Arte, Letteratura, Teatro Etc. volto a stimolare la crescita di una cultura delle differenze e della reciprocità e mosso dalla volontà di superare la condizione di invisibilità del migrante, e combattere ogni forma di isolamento e ghettizzazione.
  • GIOVEDÌ 13 DICEMBRE A URBINO “ROMEO Y JULIETA TANGO” DI LUCIANO PADOVANI PER LA COMPAGNIA NATURALIS LABOR

    Thumbnail_naturalis-labor---romeo-y-julieta-tango_22151307464_o
    Giovedì 13 dicembre torna la danza al Teatro Sanzio di Urbino nella stagione promossa dal Comune con l’AMAT. Luciano Padovani tra i più qualificati coreografi italiani, con il suo straordinario gruppo di danzatori della compagnia Naturalis Labor portano in scena un omaggio a William Shakespeare, Romeo y Julieta Tango: la maestria del coreografo vicentino si esprime al meglio in questa tragedia con un repertorio musicale che comprende Piazzolla, Speranza, Calo, Mores, Quartango, Rachel’s, Sollima, Purcell, Westhoff. Uno spettacolo trascinante, molto apprezzato sia dal pubblico sia dalla critica che ne ha parlato in termini straordinari. Una produzione importante e di grande appeal che sta segnando il sold out in tante città italiane.
  • FABRIANO, TEATRO GENTILE MERCOLEDÌ 12 DICEMBRE “LO SCHIACCIANOCI” DEL BALLETTO DI SAN PIETROBURGO

    Thumbnail_lo_schiaccia_noci-balletto_di_san_pietroburgo
    Appuntamento con la danza mercoledì 12 dicembre al Teatro Gentile di Fabriano con Lo Schiaccianoci, celebre balletto in due atti di Marius Petipa sulla musica sognante e fantasiosa di Pëtr Il'ič Čajkovskij proposto dal Balletto di San Pietroburgo, formazione russa che annovera tra le sue fila i migliori interpreti della tradizione ballettistica.
  • I LIKE CHOPIN - I

    Thumbnail_nikolaykhozyainov4704816
    “I like Chopin” è il titolo di un breve ciclo dedicato al genio polacco per la stagione Amici della Musica Guido Michelli in collaborazione con FORM - Fondazione Orchestra Regionale delle Marche, che prevede l'esecuzione dei due concerti per pianoforte e orchestra: il primo sarà eseguito martedì 18 dicembre alle ore 21 al Teatro delle Muse, come Concerto di Natale, da uno strepitoso giovane talento Nicolaij Khozyainov, con la FORM - Orchestra Filarmonica Marchigiana, e con il grande violoncellista Luigi Piovano in veste di direttore d'orchestra. Il concerto, che è in collaborazione con l' Associazione Italo – Polacca Nuova delle Marche e il Consolato Onorario della Repubblica di Polonia di Ancona, si aprirà con uno degli ultimi capolavori di W. A. Mozart, la Sinfonia n. 39 in mi bemolle maggiore, K. 543 cui appunto seguirà nella seconda parte, il Concerto per pianoforte e orchestra n. 1 in mi minore, op. 11. Il programma vede due lavori molto noti, l'uno, quello mozartiano, composto nell'ultima parte della vita, al contrario dell'altro, creato da un giovanissimo Chopin ancora a Varsavia. Fu lui stesso ad eseguirlo per la prima volta, ventenne, al Teatro Nazionale, l' 11 Ottobre 1830, prima di lasciare la Polonia, perché, come spesso succede, nella sua amatissima terra non aveva futuro. Chopin non poteva prevedere che non sarebbe mai più potuto tornare a casa diventando esule in Francia. Il concerto n. 1, passato inosservato nei giornali del tempo, e mai amato dalla critica, sarebbe subito divenuto una delle composizioni più amate dal pubblico di ogni epoca. Nato nel 1992 a Blagoveschensk, nell’estremo oriente della Russia, Nicolaij Khozyainov ha iniziato lo studio del pianoforte a cinque anni proseguendolo poi alla Scuola Centrale di Musica del Conservatorio Čaikovskij di Mosca dal 1999, anno in cui ha debuttato nella Sala Grande del Conservatorio. A soli 26 anni, Khozyainov ha un già un ricco palmarès: premiato in molti concorsi giovanili internazionali, nel 2010, a 18 anni, è stato il più giovane finalista al XVI Concorso internazionale “Fryderyk Chopin” di Varsavia, dove ha ottenuto una menzione speciale e ha conquistato i favori del pubblico per la maturità delle sue interpretazioni, vincendo poi il primo premio assoluto al Concorso Internazionale di Dublino con un’emozionante esecuzione del Terzo Concerto di Rachmaninoff, e nello stesso anno il 2° Premio e il Premio del pubblico al X Concorso internazionale di Sydney, dove ha ricevuto anche i premi per il più giovane finalista e quelli per la miglior esecuzione di due Concerti con orchestra, di un lavoro di Liszt, di un lavoro di Schubert, di uno studio virtuosistico. Khozyainov si è esibito con enorme successo in sale prestigiose come la Carnegie Hall, il Lincoln Center, il Kennedy Center a Washington, la Wigmore Hall di Londra, la Salle Gaveau, il Theatre de ChampsElysees e il Louvre a Parigi, la Sala Čaikovskij a Mosca, la Suntory Hall a Tokyo e ha collaborato con orchestre come la Tokyo Symphony, la Sydney Symphony, la Filarmonica di Varsavia, l’Orchestra Sinfonica Nazionale Ceca, l’Orchestra Sinfonica di Stato Russa, la Yomiuri Nippon. Luigi Piovano, qui in veste di direttore, è già stato spesso ospite degli Amici della Musica Guido Michelli (si ricorda il concerto alle Muse con Antonio Pappano al pianoforte del 2012): primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, è stato scelto da Maurizio Pollini per partecipare al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, ripreso alla Carnegie Hall, a Tokyo e a Roma e ha tenuto concerti di musica da camera con artisti del calibro di Sawallisch, Chung, Lonquich, Sitkovetsky, Kavakos, Eberle, Katia e Marielle Labeque, Lugansky e come solista con prestigiose orchestre – Tokyo Philharmonic, New Japan Philharmonic, Accademia di Santa Cecilia, Seoul Philharmonic, Orchestre Symphonique de Montréal – sotto la direzione di direttori come Chung, Nagano, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi. Suona un violoncello Giuseppe Guarneri, filius Andreae (Cremona, 1712), gentilmente concesso da Tarisio Fine Instruments and Bows. Gli ingressi - particolarmente agevolati per i minori di 19 anni - vanno da 4 a 22 euro. Gratuiti, in numero predefinito, per gli studenti della Politecnica delle Marche.Biglietteria Teatro delle Muse. Info: http://www.amicimusica.an.it/event/i-like-chopin-i www.facebook.com/SocietaAmiciDellaMusicagMichelliAncona