News dal Consorzio e dai Consorziati

  • CALL PER DANZATORI E PERFORMER PER IL NUOVO SPETTACOLO DI SIMONA BERTOZZI

    Thumbnail_progetto_senza_titolo
    Call aperta dalla Compagnia Simona Bertozzi / Nexus rivolta a danzatori e performer esperti in tecnica classica e contemporanea.
  • DOMENICO NORDIO E I SOLISTI DE LA VERDI

    Thumbnail_brahms2
    Un grande violinista, Domenico Nordio, con i prestigiosi Solisti de La Verdi, e i due meravigliosi Sestetti op. 18 e op. 36 di Johannes Brahms, compongono il concerto degli Amici della Musica “Guido Michelli”, giovedì 22 febbraio al Teatro Sperimentale alle ore 21. Un invito ad entrare nel mondo cameristico di uno dei più alti geni della musica con due lavori del giovane Brahms, nato ad Amburgo nel 1833 e morto a Vienna nel 1897. Il primo dei due Sestetti per archi, l'op. 18, in Si bemolle maggiore, fu composto nel 1858 e rimase uno dei suoi primi capolavori in questo genere, che ancora oggi, subito già nell'apertura “colpisce per grazia e calore e tutto fluisce nobile e cattivante sull'ala della prima sensazione", come disse il leggendario violinista Joachim suo fedele (e critico) amico. Il sestetto presentato da Joachim a Hannover il 20 ottobre 1860, e poco dopo a Lipsia e Amburgo, ebbe un immediato successo che dura fino ad oggi. Al secondo (ed ultimo) dei sestetti, l'op. 36 in Sol maggiore, è legata invece in qualche modo la storia d'amore forse più importante di Brahms. Il sestetto, che era stato eseguito per la prima volta a New York nel 1866, era stato iniziato nel 1864. Brahms inserì nel primo movimento un motivo secondario che ricalca le lettere (secondo la notazione anglosassone, corrispondenti a La Sol La Si Mi; T non è alcuna nota e non c'è) di un nome: Agathe, la donna con cui si era scambiato una promessa di matrimonio ma che la paura gli impedì di sposare (Brahms non si sposò mai). I Solisti del La Verdi con un primo violino d'eccezione, Domenico Nordio – dal 2017 Artista Residente dell'Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi -, ci introdurranno nel mondo brahmsiano. Nordio è uno dei musicisti più acclamati del nostro tempo. Si è esibito nelle sale più prestigiose del mondo (Carnegie Hall di New York, Salle Pleyel di Parigi, Teatro alla Scala di Milano, Barbican Center di Londra, Suntory Hall di Tokyo), con le maggiori orchestre, tra le quali la London Symphony, la National de France, l’Accademia di Santa Cecilia di Roma, l'Orchestre de la Suisse Romande, l'Orchestra Borusan di Istanbul, l'Enescu Philharmonic, la Simon Bolivar di Caracas, la Nazionale della RAI, la SWR Sinfonieorchester di Stoccarda, la Moscow State Symphony e con direttori quali Flor, Steinberg, Casadesus, Luisi, Lazarev, Aykal. Allievo di Corrado Romano e di Michèle Auclair, nato a Venezia nel 1971, ex bambino prodigio (ha tenuto il suo primo recital a dieci anni), Domenico Nordio ha vinto a sedici anni il Concorso Internazionale “Viotti” di Vercelli con il leggendario Yehudy Menuhin come Presidente di Giuria. Dopo le affermazioni ai Concorsi Thibaud di Parigi, Sigall di Viña del Mar e Francescatti di Marsiglia, il Gran Premio dell'Eurovisione ottenuto nel 1988 lo ha lanciato in una carriera internazionale: Nordio è l'unico vincitore italiano nella storia del Concorso. Domenico Nordio è un artista Sony Classical. Biglietti da 4 (fino a 19 anni) a 22 euro. Gratuiti, in numero predefinito, per gli studenti della Politecnica delle Marche, biglietteria Teatro delle Muse
  • DOMENICA 18 FEBBRAIO AL TEATRO COMUNALE PERUGINI DI APECCHIO “ANDAR PER FIABE” PROPONE “KUSS”

    Thumbnail_kuss
    Andar per fiabe, la rassegna sostenuta da MiBACT, Regione Marche e dall’AMAT in collaborazione con i Comuni del territorio e Provincia di Pesaro e Urbino arriva domenica 18 febbraio alle ore 17 al Teatro Comunale G. Perugini di Apecchio con uno spettacolo di narrazione e clownerie, Kuss dell’Associazione Teatrale Le Ombre, con Alberto Campagna, Gigliola Tagliaferri, Simone Morotti, regia Alex Gabellini.
  • URBINO, TEATRO SANZIO DOMENICA 18 FEBBRAIO “MUSI LUNGHI E NERVI TESI”

    Thumbnail_musi_lunghi__1_
    Domenica 18 febbraio prosegue al Teatro Sanzio di Urbino la stagione dedicata ai ragazzi, promossa dal Comune di Urbino con l’AMAT, parte della rassegna provinciale Andar per fiabe. In scena Musi lunghi e nervi tesi, uno spettacolo d'attore diretto da Simone Guerro, pieno d’ironia e divertenti gag, in cui la maleducazione e l'aggressività si manifestano, esasperate, con connotati grotteschi per ritrovare la forza smisurata della gentilezza.
  • ONLINE LA CALL "VETRINA DELLA GIOVANE DANZA D’AUTORE" DEL NETWORK ANTICORPI XL

    Thumbnail_772_copertina_vetrina_
    Il Network Anticorpi XL lancia il bando “Vetrina della giovane danza d'autore” rivolto a tutti gli artisti con meno di 5 anni di esperienze coreografiche.